Recupero crediti assillante – Denuncia all’Autorità giudiziaria e piano del consumatore ex legge 3/2012 (salva suicidi)

Due anni fa circa io e mio marito abbiamo preso un prestito di 30 mila euro lievitando a 46 mila euro: per un anno e mezzo siamo riusciti a pagare, ora non ci riusciamo più. Mio marito perse il lavoro ma, comunque, con la disoccupazione pagavamo. Ora purtroppo non riusciamo più. Abbiamo spiegato la situazione in banca la quale se ne è fregata e continua a far telefonare dal recupero crediti oltretutto in modi poco consoni. Siamo stati minacciati. Come possiamo fare per riprendere un attimino una boccata d’aria sospendendo i pagamenti? Premetto che la rata e da 554 euro mensile.

Per porre termine alle continue minacce e molestie perpetrate dagli addetti della società di recupero crediti in cerca di provvigioni, l’unica cosa da fare è presentare denuncia, o querela, all’Autorità Giudiziaria tramite il più vicino commissariato di polizia o stazione dei carabinieri.

Per risolvere il problema alla radice una soluzione potrebbe sostanziarsi nel proporre un piano del consumatore, come consente la legge 3/2012 sulla composizione delle crisi da sovraindebitamento: lei potrebbe evitare, in tal modo, le angosce derivanti dal martellamento telefonico continuo del creditore e nello stesso tempo prospettare al giudice (in caso di omologazione del piano del consumatore il creditore è obbligato ad accettare le condizioni di rimborso ivi previste) un piano di rientro con una rata mensile compatibile con la sua situazione reddituale e patrimoniale attuale.

Questo link consente di accedere al registro gestito dal Ministero della Giustizia dove è possibile reperire l’elenco degli organismi abilitati alla composizione della crisi da sovraindebitamento, nonché tutti i dati di contatto, per ricevere adeguata assistenza nella presentazione di un piano del consumatore presso il Tribunale territorialmente competente.

Potrà cercare l’OCC (Organismo di Composizione della Crisi) più vicino al luogo in cui vive e lavora, semplicemente effettuando una ricerca su Google (o altri motori) con chiave OCC in aggiunta alla provincia o alla regione prescelta.

13 Marzo 2019 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Legge sovraindebitamento 3/2012 (salva suicidi) e piano del consumatore per un dipendente statale già pignorato per soddisfare crediti di natura alimentare ed ordinaria
Vi contatto per avere info sulla legge salva suicidi: Premetto che sono un dipendente pubblico, il mio stipendio è già pignorato per 2/5 sia per mancato versamento alimenti e sia per debiti con banca. Ad oggi ho circa 100 mila euro di debiti con banche e finanziarie. Non posseggo beni immobili vivo in affitto. Posso utilizzare la legge del 2012 per ridurre i debiti e trovare qualche soluzione per poterli pagare negli anni? Purtroppo posso solo con il mio stipendio. La legge del 2012 può aiutarmi? ...

Legge 3/2012 (salva suicidi) - Piano del consumatore o accordo di ristrutturazione?
Sono un dipendente privato a tempo indeterminato e vorrei fare accesso alla legge 3/2012: ho un mutuo ipotecario regolarmente in ammortamento 2 finanziamenti non pagati e una fideiussione prestata di quando avevo una srl. Lo studio che mi segue mi indica di voler fare accordo di ristrutturazione poiché uno dei debiti deriva da attività imprenditoriale: ho paura perché proprio il creditore di questa fideiussione è quello più aggressivo e visto che si va per votazione ho paura non passi. ...

Legge 3/2012 (salva suicidi) - Come funziona il piano del consumatore?
A proposito della Vostra risposta precedente, vorrei chiedere: Quindi i debiti che sto regolarmente pagando cioè mutuo, cessione del quinto e prestito delega, non possono essere inseriti nella richiesta di ristrutturazione del debito? Vi chiedo ciò in quanto tra tutti e tre questi finanziamenti io pago circa 850 euro e, mi rimangono al mese circa 800 euro netti, per cui non potrei sostenere altre rate, tant'è che ho dovuto interrompere gli altri pagamenti perché non mi restava niente al mese per vivere. Io pensavo che sarebbero potuti rientrare tutti i debiti e avere un'unica rata di circa 850 euro (quanto ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero crediti assillante – Denuncia all’Autorità giudiziaria e piano del consumatore ex legge 3/2012 (salva suicidi)