Recupero crediti alla porta senza appuntamento

Mi sono ritrovato il recupero crediti alla porta senza che io abbia aperto il portone e dalle scale sento che chiede informazioni ai condomini che intelligentemente hanno indicato la mia abitazione.

Io non apro e nemmeno la mia compagna quando é in casa da sola, inoltre lei é incinta e queste visite indesiderate la fanno vivere in uno stato d'ansia ed agitazione. Cosa possiamo fare? Questa settimana l'agente é venuto già due volte.

Può cominciare semplicemente con una raccomandata AR indirizzata alla sede della società di recupero crediti (all'attenzione dell'amministratore delegato) in cui diffida dal disporre visite domiciliari, non concordate, al suo indirizzo (meglio se riporta, conoscendolo, il nome del funzionario che si è presentato a casa sua svolgendo indagini presso i vicini in aperta violazione di qualsiasi elementare diritto alla privacy del debitore).

In seconda battuta, qualora l'episodio dovesse ripetersi, può denunciare l'accaduto con un esposto all'Autorità Giudiziaria presso polizia o carabinieri. Si tratta di azione molto efficace che comporta la conseguente segnalazione della società di recupero crediti a Banca d'Italia e alla Prefettura con rilevanti ricadute, qualora le violazioni venissero accertate, sull'attività svolta (sanzioni pecuniarie e sospensioni dei permessi).

23 aprile 2016 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

visite domiciliari sms e contatti telefonici indesiderati dell'agente di recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Visite domiciliari - L'agente di recupero crediti può essere costretto ad esibire, su richiesta, copia della licenza rilasciata dalla Questura con l'elenco dei soggetti abilitati
Per svolgere la propria attività, le imprese specializzate nel recupero stragiudiziale dei crediti devono possedere la licenza di cui al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS) che è rilasciata dal Questore e vale per tutto il territorio nazionale. In particolare, l'articolo 115 del TULPS (Regio Decreto 773/1931) dispone, ...
Cambiali ed assegni post datati - nelle mani delle società di recupero crediti nuocciono gravemente alla salute del debitore!
Sono protestata da quasi un anno e mezzo e non sono riuscita ancora a saldare il mio debito. Dopo lettere intimidatorie da parte delle societa recupero crediti, visite di procuratori ed agenti esattoriali, ufficiali giudiziari, sono ancora col dubbio di quanto possa ancora resistere all'avviso di un pignoramento e quanto ...
Recupero crediti » Pratiche aggressive ed ingannevoli
Recupero crediti: il nuovo incubo dei consumatori, tra persecuzioni telefoniche e lettere di minacce . Ma è lecito quello che fanno queste società? Di seguito vi proponiamo uno schema delle pratiche più scorrette adottate da queste aziende di recupero. Ad esempio, può accadere che nonostante la disdetta inoltrata regolarmente la ...
Esattore nel recupero crediti - un lavoro come un altro
Non lavoro ormai da anni, è difficile per me tirare avanti e, a parte un possibile part time a tempo indeterminato in un negozio (del quale sarei comunque sicuro) ho appena ricevuto da un mio parente l'invito ad unirmi a lui per fare recupero crediti per un paio di agenzie ...
Sinistri stradali » A causa dell'incidente soffri di attacchi d'ansia? Hai diritto al risarcimento danni
Sinistri stradali: sì al risarcimento danni per l'automobilista che dopo l'incidente stradale è afflitto da attacchi di ansia. Ai fini della determinazione del lucro cessante e, dunque, dell'entità del risarcimento danni dovuto, si deve guardare alla «realtà di fatto» che si è concretamente determinata a seguito dell'incidente. Per cui anche ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca