Recupero costi (legali e di procedura) per il pignoramento e la vendita all'asta

Sono creditore di una somma di denaro nei confronti di un soggetto e, non riuscendo ad ottenere il saldo del debito, ho intenzione di iscrivere un'ipoteca giudiziale su di un bene immobiliare di cui costui ha la proprietà per metà.

Ciò premesso e con riferimento alla risposta a questo quesito chiedo se, nell'ipotesi che dopo l'iscrizione dell'ipoteca io decida di procedere anche al pignoramento e (se nemmeno a quel punto in debitore intenda saldare il debito) alla vendita (forzata) all'asta del bene, i costi legali e di procedura, che come creditore dovrei comunque anticipare, possano venir recuperati dal ricavato della vendita (in modo automatico o dovendo attivare una procedura a parte?) o se invece (sarebbe il colmo!) restino comunque a mio carico.

L'articolo 2846 del codice civile prevede espressamente che le spese d'iscrizione dell'ipoteca a carico di un immobile di proprietà del debitore sono a carico di quest'ultimo, ma, naturalmente, devono essere anticipate dal richiedente creditore.

L'articolo 2855 del codice civile stabilisce che l'iscrizione del credito fa collocare nello stesso grado le spese dell'atto di costituzione d'ipoteca, quelle dell'iscrizione e rinnovazione e quelle ordinarie occorrenti per l'intervento nel processo di esecuzione (pignoramento ed espropriazione).

9 luglio 2018 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta
ipoteca giudiziale
recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento presso la residenza del debitore – se il valore dei beni pignorati non copre il debito
Se i mobili non coprono l'intero debito il pignoramento mobiliare non va a buon fine? Il creditore, tramite decreto ingiuntivo e precetto, può chiedere all'ufficiale giudiziario di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore. Non rileva che il valore dei mobili non copra l'intero debito. Il ricavato del pignoramento ...
Il debitore non può invocare l'illegittimità della procedura espropriativa dopo la vendita del bene
Per far valere eventuali nullità della procedura di espropriazione del bene, il debitore deve attivarsi prima che la vendita stessa abbia luogo. La legge, infatti, una volta che le vendita sia stata effettuata, privilegia l'interesse alla stabilità dell'acquisto da parte dell'aggiudicatario in buona fede, sacrificando quello del debitore; anche al ...
Dopo il pignoramento – evitare asta della casa
La proprietà dell'immobile si perde dopo la sentenza di esproprio, che è successiva all'aggiudicazione dell'asta (che non necessariamente sarà al primo incanto). Fino a quel momento la casa è ancora del debitore che può benissimo venderla, fatti salvi gli effetti dei vincoli gravanti. Si sono inserite nel mercato, partendo da ...
Equitalia: pignoramento immobiliare ed ipoteca sulla casa » Limiti analogie e differenze
Pignoramento immobiliare ed iscrizione di ipoteca da parte di Equitalia: quali sono i limiti? E le differenze? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. Per cominciare, va detto che i due concetti sono completamente differenti: l'ipoteca è una cosa completamente diversa dal pignoramento immobiliare e l'una non comporta, ne esclude, per forza l'altro. ...
Mancato pagamento di una sanzione - Conseguenze
Volevo un chiarimento: un paio di anni fa mi hanno arrestato e mi hanno fatto anche una multa pecuniaria; adesso è arrivata la cifra di 14000€ e vorrei sapere, visto che sono nudo proprietario, possono attaccarsi alla proprietà se lascio scadere il termine di pagamento. E dopo la scadenza si ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca