Mancato pagamento assegno mantenimento post divorzio - E' reato?

Sono una mamma divorziata che sta vivendo un inferno a causa del mancato pagamento dell'assegno di mantenimento dopo il divorzio da mio marito

Infatti, pur essendo stato obbligato alla corresponsione dell'assegno di mantenimento, il signore se ne frega, facendo vivere me e mia figlia nella miseria.

Ho letto sul giornale stamattina che il mancato pagamento dell'assegno divorzile disposto in sede giudiziale può configurare un reato.

E' vero? Sapete dirmi come ed in che modo?

E' vero, adesso il mancato pagamento dell'assegno di mantenimento o di quello divorzile potrà configurare un reato per il coniuge obbligato che non adempie.

Ne avevamo già discusso in questo articolo: recentemente, la Cassazione aveva parlato chiaro in materia di assegno di mantenimento, nel divorzio, ed il reato che ne scaturiva qualora non fosse onorato.

La materia, però, era disciplinata esclusivamente dall'articolo 570 del codice penale: era reato solamente far mancare i mezzi di sussistenza ai figli, come il cibo o il vestiario.

E la giurisprudenza di legittimità aveva fatto già le sue considerazioni, caso per caso, interpretando la legge.

Ora, però, è più ufficiale che mai: il 6 aprile 2018 entra infatti in vigore l'articolo 570 bis del codice penale che punisce con la multa sino 1.032 euro e con il carcere sino a un anno chi si sottrae agli obblighi economici derivanti dalla separazione, dal divorzio o dai provvedimenti che regolano i rapporti tra genitori per figli nati fuori dal matrimonio.

Come accennato, fino ad ora, perché si configurasse un reato, andava provato lo stato di bisogno del destinatario dell'assegno ed era il giudice a decidere in maniera discrezionale (il che avveniva più facilmente in presenza di figli minorenni).

Ma non è mai stato semplice provare che l'avente diritto non poteva andare avanti con i propri soldi. E se il coniuge pagava solo parzialmente, riusciva facilmente a evitare una sanzione che era solo di carattere economico.

Ora non ci sono più dubbi sul fatto che il non pagare costituisce reato.

E da questo momento, se non si dimostra l'assoluta impossibilità di pagare si può essere condannati. A meno di una patologia che renda inabili al lavoro, quindi, del fallimento della propria banca, o di licenziamento, il giudice dovrà imporre che la somma stabilita per la cura e l'istruzione dei figli (e della moglie) venga corrisposta in maniera continua e regolare.

Chi non paga, va detto, non andrà subito in carcere:

Dopo la prima condanna scatterà il beneficio della sospensione condizionale della pena. Diciamo che la legge serve da ammonimento.

E dopo più sentenze, il carcere è un rischio concreto.

6 aprile 2018 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno di mantenimento o divorzile per coniuge e figli
separazione personale dei coniugi e divorzio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno di mantenimento - per la sua determinazione va considerata l'eventuale nascita di un figlio di secondo letto
Il fatto oggettivo della nascita di un figlio di secondo letto (e il relativo obbligo di mantenimento da parte del padre) va considerato dal giudice nella determinazione dell'assegno divorzile. Il principio è stato ribadito dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 14521/15. ...
Divorzio » Se ex coniuge convive con un altro niente assegno di mantenimento
Se dopo il divorzio l'ex moglie convive con un altro, non ha più diritto all'assegno di mantenimento. Infatti, la convivenza con un altro uomo rescinde ogni presupposto per la riconoscibilità di un assegno divorzile. E' questo, in breve, l'orientamento proposto dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 25845/13. Nuova convivenza ...
Divorzio e assegno divorzile
L'assegno divorzile è previsto dall'articolo 5 della legge sul divorzio numero 898 del 1970. Il presupposto per applicare l'assegno divorzile ricorre quando un coniuge (o meglio ex coniuge) non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive. Qualora vi sia questo presupposto, il Tribunale disporrà che il ...
Separazione personale » Per la determinazione dell'assegno di mantenimento conta la durata del matrimonio
Nell'ambito di una separazione personale, per la determinazione degli importi da corrispondere nell'assegno di mantenimento incide la durata del matrimonio. La durata breve del matrimonio può incidere sulla determinazione dell'assegno divorzile ben potendo non essere osservati tutti i criteri indicati dall'art. 5, comma 6, l. n. 898/1970 e potendo alcuni ...
Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario
Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca