Reddito di cittadinanza » A rischio per un risarcimento danni corrisposto in seguito a sinistro automobilistico?

Un nostro vicino di casa, cuoco francese residente dal 2008 in Italia, beneficiario del Reddito di Cittadinanza ha subito un incidente auto e dovrà essere risarcito con circa 12-13 mila euro. In questo caso (dato che i risarcimenti non si computano come reddito) perderebbe il diritto al Reddito di cittadinanza? E, se il risarcimento gli fosse versato su un suo conto aperto in Francia, cambierebbe qualcosa?

Il problema non si pone immediatamente: infatti esiste obbligo di comunicare all’INPS (con apposito modello RDC/PDC COM Esteso), entro 15 giorni dall’acquisizione del possesso di somme o valori superiori alle soglie previste per il patrimonio mobiliare, a seguito di donazione, successione o vincite. E non è il nostro caso, trattandosi di risarcimento danni.

Tuttavia, esiste anche l’obbligo di comunicare entro il 31 gennaio (sempre con modello RDC/PDC COM Esteso), relativamente all’anno precedente, ove non già compresa nella DSU, ogni variazione del patrimonio mobiliare, che comporti la perdita dei requisiti.

Ricordiamo che si rischia la revoca del reddito di cittadinanza qualora il saldo di conto corrente al 31 dicembre (o la consistenza media annua calcolata alla stessa data) risultasse superiore alla soglia di euro 6.000, accresciuta di euro duemila per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10 mila. Purtroppo, non è prevista una franchigia qualora l’accredito in conto corrente fosse (come nella fattispecie) riconducibile a risarcimento per danni a cose di proprietà del beneficiario o per lesioni personali allo stesso.

Quindi, la cosa migliore da fare è tentare di differire il rimborso per i danni subiti al 2021: in questo modo solo nel gennaio 2022 bisognerà comunicare all’INPS il saldo di conto corrente (o la giacenza media) al 31 dicembre 2021. Valori che risulteranno sicuramente entro la soglia se i soldi ottenuti dall’assicurazione saranno spesi (al più presto) per la riparazione del veicolo danneggiato, o nel pagamento delle spese mediche sostenute e/o in qualsiasi altro modo utile, così da portare il saldo di conto corrente al 31 dicembre 2021 (da comunicare con modello RDC/PDC COM Esteso all’INPS entro il 31 gennaio 2022) sotto la soglia di legge (anche in riferimento, attenzione, alla consistenza media annua).

Che il conto corrente di accredito della somma sia in Italia o in un paese UE ha poca importanza: i controlli sono sempre possibili.

1 Dicembre 2020 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni sia alla compagnia assicurativa privata, che lo copre in caso di infortuni non mortali, che al responsabile del sinistro stradale coperto da tutela rc auto. Il pagamento dell'uno, infatti, esclude quello dell'altro, o, al contrario, in caso di pagamento parziale dell'uno, si può chiedere all'altro solo la differenza residua. Ciò ...

Sinistro stradale » Al fidanzato della vittima va corrisposto il risarcimento danni solo se si tratta di un legame affettivo elevato
Sinistri stradali: per il risarcimento danni al compagno della vittima devono sussistere stati di legami affettivi elevati. Affinché si configuri la lesione di un interesse a rilevanza costituzionale, la convivenza non deve intendersi necessariamente come coabitazione, quanto piuttosto come stabile legame tra due persone, connotato da duratura e significativa comunanza di vita e di affetti. E che quindi vanno risarciti solo i legami affettivi connotati, appunto, dalla stabilità della relazione. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 46351/14. Da ciò che si evince dalla suddetta pronuncia, ai familiari della vittima di un sinistro stradale va corrisposto ...

Sinistro stradale » Il risarcimento danni è ridotto se il passeggero è consapevole del rischio
Qualora il terzo trasportato, ovvero il passeggero, sia consapevole dell'alta velocità e, quindi, del pericolo a cui va incontro, il risarcimento danni da parte dell'assicurazione sarà ridotto. Una compagnia assicurativa ha la possibilità di ridurre il risarcimento danni da versare al terzo trasportato, in caso di un sinistro stradale, qualora il passeggero abbia accettato il rischio di viaggiare con la consapevolezza che la corsa sarebbe stata ad elevata velocità. Ciò è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza 11698/14. Questa teoria non è nuova nell'ambito della giurisprudenza riguardante i sinistri stradaali. Il principio accennato, infatti, è applicato, ad ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Reddito di cittadinanza » A rischio per un risarcimento danni corrisposto in seguito a sinistro automobilistico?