Ratei di pensione del de cuius ed accettazione tacita eredità

Mi riallaccio ad una precedente domanda posta nel forum che riguarda i ratei di pensione del de cuius e per la quale ho ancora dei dubbi che non sono riuscito a chiarire. In proposito, desidero chiedervi se i ratei di tredicesima della pensione del defunto rientrano, o meno, nell’asse ereditario del medesimo e se l’istanza per la loro riscossione, da parte degli eredi in linea retta, comporta, quindi, l’accettazione tacita dell’eredità dello stesso de cuius.

In caso affermativo, e cioè laddove i suddetti ratei spettino agli eredi in linea retta “iure successionis” e non “iure proprio”, vi chiedo allora se poteste cortesemente indicarmi qual è la tipologia di ratei cui fa tuttavia riferimento la Risoluzione ADE 53/E del 2008, la quale – seppur vertendo in tema di obbligo di presentazione della dichiarazione di successione per il pagamento di ratei sulle competenze pensionistiche maturate e non riscosse dal titolare – indica espressamente che : “ il rateo di pensione o assegno insoluto a causa del preventivo decesso del titolare non rientra nell’asse ereditario del de cuius, in quanto spetta “iure proprio” al coniuge superstite non separato o, in mancanza, ai figli del defunto”.

Il rateo mensile della pensione maturato e non ancora versato al pensionato deceduto, viene corrisposto al coniuge superstite o, in mancanza di questi, agli eredi e comprende anche la parte di tredicesima maturata fino alla data del decesso e le eventuali somme spettanti e non riscosse dal pensionato.

In base alle norme vigenti sulla successione, in mancanza del coniuge, il rateo e’ corrisposto ai figli viventi al momento della morte del pensionato. In mancanza di coniuge e figli, il rateo va agli altri eredi legittimi.

I ratei di pensione (compreso quello relativo alla tredicesima mensilità) sono corrisposti al coniuge superstite o ai figli del defunto iure proprio e non per diritto di successione e quindi non comportano accettazione tacita dell’eredità.

22 Giugno 2016 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità e ratei maturati non riscossi - Possibile revocare l'accettazione tacita dell'eredità?
Mio padre è deceduto il 24 luglio 2018: successivamente affidandoci ad un patronato di zona ho provveduto a far presentare istanza di reversibilità a mia madre e, contestualmente, l'addetto del sindacato ci faceva fare fare anche una istanza per percepire cosiddette rate maturate non riscosse, in qualità di eredi, quindi oltre a mia madre anche noi figli (siamo in due). Somma che l'inps dovrà corrispondere in parti uguali. Sin qui nulla quaestio. Il quesito nasce per quanto concerne i debiti con una finanziaria da parte di mio padre oramai defunto e quindi la possibilità di restarne fuori con espressa rinuncia ...

Rateo di pensione del defunto - A chi spetta?
Desidero chiedervi se le osservazioni contenute nella risoluzione dell'Agenzia delle entrate numero 53/E del 18 febbraio 2008, ed in particolare quelle in cui viene precisato che il rateo di pensione o assegno insoluto a causa del preventivo decesso del titolare non rientra nell'asse ereditario del de cuius, in quanto spetta iure proprio al coniuge superstite non separato; o, in mancanza, ai figli del defunto, ai sensi dell'articolo 201 del Dpr 1092/1973, possano applicarsi anche al caso di specie in cui i precitati soggetti abbiano fatto richiesta all'INPS dei ratei di 13^ mensilità dell'assegno sociale del defunto, o se invece quanto ...

Guida di un veicolo di proprietà del de cuius da parte del chiamato convivente - Si configura accettazione tacita dell'eredità?
Può essere considerata accettazione tacita da parte di un coerede aver usufruito di un veicolo del cuius dopo la sua morte e con questo veicolo aver avuto un incidente? Mi spiego meglio, mio fratello, figlio convivente del cuius, dopo la morte di nostro padre ha usato la vettura di proprietà di nostro padre, guidando senza patente poiché revocata da anni ed in stato di ebbrezza causando un sinistro stradale nel quale a seguito dell'intervento del corpo di polizia municipale il suddetto veicolo è stato posto sotto sequestro amministrativo. Le domande che mi pongo appunto sono: questo atto può essere ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ratei di pensione del de cuius ed accettazione tacita eredità