Rapporti con il recupero crediti

Dopo una lunga serie di telefonate variamente vessatorie da parte di aziende di recupero crediti, può essere utile inviare loro una comunicazione scritta in cui viene spiegata la situazione difficile attuale e ribadendo la volontà di pagare il dovuto ma non in tempi brevi, a causa della momentanea indisponibilità?

La sua lettera non la leggerebbe nessuno: all’operatore interessa incassare la provvigione adesso e chi l’ha contattata sa che domani, quando e se lei pagherà, potrebbe non avere più in affidamento la sua pratica o potrebbe aver cambiato lavoro.

Per questo non viene posta in essere alcuna strategia finalizzata a mantenere nei limiti della correttezza il rapporto con il debitore.

Se invece vuol davvero che le telefonate vessatorie abbiano termine, può inviare una comunicazione alla società, indirizzata personalmente all’amministratore delegato, fornendo gli elementi identificativi della pratica e gli orari in cui è stato contattato (in modo da rendere possibile l’identificazione dell’operatore), diffidandolo dal non perseverare nel porre in essere pratiche di recupero crediti intimidatorie ed in violazione della normativa sulla privacy ed avvertendolo che, al prossimo contatto indesiderato, procederà a sporgere denuncia all’Autorità giudiziaria e a segnalare la società al Garante per la protezione dei dati personali.

Come ripetiamo da sempre, l’unico modo lecito di contattare il debitore è, per il creditore, quello di utilizzare il servizio postale.

20 Maggio 2015 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Visite domiciliari non autorizzate di addetti al recupero crediti
Da qualche ho interrotto tutti i pagamenti alla finanziariacreditrice per un prestito personale e due carte revolving, non più sostenibili, per una serie di spese sopraggiunte che ho dovuto, e mio malgrado dovrò continuare ad affrontare. Ero preparato all'assalto del recupero crediti, ma probabilmente non lo si è mai abbastanza. Vivo in un appartamento con la mia compagna e le mie due figlie minorenni. La mia compagna non è al corrente della mia situazione debitoria ne tanto meno di quella di insolvenza, vorrei che le cose restassero tali. Ho dirottato la posta in arrivo presso una casella postale e diffidato ...

Messaggio sms recupero crediti che minaccia visita domiciliare e/o sul luogo di lavoro - Reagire come?
È un periodo che mi trovo in grosse difficoltà economiche é sono spesso contattato da società di recupero credito non sempre rispondo una di queste mi ha mandato un SMS dicendomi che se non saldo con la massima urgenza il debito tramite vaglia postale intestato alla finanziaria che ha erogato il credito, seguirà visita domicilio e sul posto di lavoro di un esattore. Ma possono inviare questi messaggi? ...

Recupero crediti all'estero - Fino a che punto?
Ho una situazione debitoria molto complicata ed articolata: dopo un'attività imprenditoriale lunga 32 anni ho dovuto smettere di lavorare in Italia, a causa degli enormi debiti accumulati. I miei debiti hanno origine da fornitori, banche, finanziarie, Equitalia, Agenzia delle Entrate, molti con atti esecutivi in stato avanzatissimo con vendite all'asta dei miei beni immobili. Avevo tre proprietà immobiliari di notevole valore che stanno andando all'asta, nei tempi dei Tribunali italiani. Ho trasferito la mia residenza all'estero (UK) insieme alla mia famiglia e stiamo provando a sopravvivere con il lavoro di mia moglie, anche lei coinvolta in questa situazione disastrata e ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rapporti con il recupero crediti