Raggirata da agenzia immobiliare. assegno post-datato scoperto... 2° invio

Le domande sono: 1) essendo l'assegno postdatato non ancora scaduto, esiste un modo per bloccarlo? 2) se non è possibile presumo che mi debba rassegnare ad andare in protesto, per una cifra del genere (diecimila euro) si rivarranno sullo stipendio o c'è la possibilità che pignorino?

Il pagamento dell'assegno lo può revocare con comunicazione scritta da consegnare alla filiale della sua banca. Ciò non toglie, tuttavia, che in caso di presentazione nei termini, l'assegno verrà protestato.

In questi casi, l'unica via percorribile è trovare un accordo con il beneficiario dell'assegno. Non ci sono altre soluzioni.

Con un assegno protestato, che è un titolo esecutivo, non c'è nemmeno bisogno di passare dal giudice per ottenere un decreto ingiuntivo. Il creditore si munirà di precetto presso la cancelleria del tribunale e, tramite ufficiale giudiziario, in caso di mancato pagamento del debito entro 10 giorni, procederà con la riscossione coattiva (pignoramento stipendio, pignoramento presso la residenza del debitore, ipoteca ed espropriazione di beni immobili) nelle forme che riterrà più opportune e funzionali al recupero dell'importo.

7 ottobre 2011 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegni a vuoto
assegno scoperto
protesto assegno
protesto e iscrizione in RIP (Registro Informatico dei Protesti)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno in bianco o postdatato - Nullo il patto a garanzia del debito ma sussiste comunque la promessa di pagamento
L'emissione di un assegno in bianco o postdatato, cui di regola si fa ricorso per realizzare il fine di garanzia, nel senso che esso è consegnato a garanzia di un debito e deve essere restituito al debitore qualora questi adempia regolarmente alla scadenza della propria obbligazione, rimanendo nel frattempo nelle ...
Assegno scoperto - La banca può pagarlo concedendo un fido e imputando a copertura i successivi ratei di pensione o stipendio accreditati
Può accadere che la banca provveda al pagamento di un assegno parzialmente privo di fondi e che successivamente, per assicurarsi l'immediato rientro dall'esposizione debitoria così formatasi, la banca incameri i ratei del trattamento pensionistico o dello stipendio del traente, unici suoi redditi percepiti e mensilmente accreditati sul proprio conto corrente. ...
Condominio: assegno non pagato » A chi deve essere elevato il protesto?
In caso di mancato pagamento di un assegno del condominio, a chi va elevato il protesto: all'amministratore condominiale, al condominio in se per se o ai singoli inquilini? Chiariamo la questione. Come chiarito in nostri precedenti interventi, la riforma del condominio ha obbligato l'amministratore condominiale a far transitare tutte le ...
Assegno postdatato - Quando la revoca di sistema è successiva a quella di compilazione
L'assegno, bancario o postale postdatato, non diversamente da quello regolarmente datato, deve considerarsi venuto ad esistenza come titolo di credito e mezzo di pagamento al momento stesso della sua emissione, che coincide con la data indicata sul titolo. Ne discende che se l'assegno risulta presentato all'incasso dal beneficiario, sulla base ...
Protesto di assegno rubato o smarrito - la denuncia non salva dalla segnalazione al RIP
Il protesto di assegno rubato, smarrito o sottratto, presentato all'incasso, è un atto pienamente legittimo e corrispondente alle regole del diritto cartolare, anche se: il titolare del conto corrente ha sporto regolare denuncia all'Autorità Giudiziaria, trasmettendone tempestivamente copia prima della presentazione dell'assegno allo sportello; il conto corrente è provvisto della ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca