Quietanza liberatoria e debito rinunciato - A cosa serve?

Voi scrivete che il debitore dovrà tassativamente esigere l'integrazione del testo della quietanza liberatoria con esplicito riferimento all'articolo 1236 del codice civile, naturalmente prima di pagare, ma non capisco, visto che la quietanza liberatoria viene rilasciata una volta effettuato il pagamento.

Innanzitutto, è opportuno chiarire a chi ci legge, il contesto da cui muove l'osservazione della gentile lettrice: spesso, la quietanza liberatoria rilasciata dal creditore, dopo la conclusione di una transazione stragiudiziale a saldo stralcio di composizione del contenzioso, fa specifico riferimento all'importo parziale pattuito nell'accordo transattivo; sicchè al debitore che se ne serve per chiedere, decorso il termine triennale, la cancellazione del proprio nominativo dalla Centrale Rischi in cui è stato iscritto, il più delle volte non resta altro che accettare, suo malgrado, la permanenza della segnalazione relativa alla propria posizione per l'importo residuo fra quanto effettivamente versato e quanto dovuto.

Ora, l'articolo 1236 del codice civile dispone che la dichiarazione del creditore di rimettere parte del debito estingue l'obbligazione. In pratica, il creditore può dichiarare di rinunciare alla differenza fra quanto versato dal debitore e quanto da quest'ultimo originariamente dovuto per effetto dell'accordo transattivo a saldo stralcio concluso fra le parti. Al debito residuale, in tale ipotesi, ci si riferisce come al "debito rinunciato".

L'Arbitro Bancario Finanziario, con la decisione 6751/13, ha poi stabilito che è illegittima la segnalazione in Centrale Rischi riguardante la differenza tra importo dovuto e importo corrisposto dal debitore se il debito residuo è stato rinunciato per effetto di un accordo transattivo concluso con il creditore.

Sulla base di queste premesse, noi abbiamo spesso raccomandato al debitore, per evitare spiacevoli sorprese nel corso della successiva procedura di cancellazione del proprio nominativo dalla Centrale Rischi, l'esigenza di far dichiarare esplicitamente, nella quietanza liberatoria, la rinuncia del creditore, ai sensi dell'art. 1236 del codice civile, alla differenza tra importo dovuto e importo corrisposto.

Tornando al quesito posto, occorre precisare che, naturalmente, il prima di pagare si riferisce al momento in cui si perfeziona un accordo preliminare di saldo stralcio fra creditore e debitore, nell'ipotesi che il rapporto fra i due soggetti sia improntato, come dovrebbe essere, a canoni di buona fede e di correttezza.

Potremmo aggiungere, per maggior tranquillità del creditore, che nella quietanza possa farsi riferimento ad una clausola salvo buon fine o sbf: peccato che, così operando, la forma della transazione non sarebbe propriamente salva, dal momento che emergerebbe una evidente incongruenza, in senso tecnico, tra la quietanza, come disciplinata dall'articolo 1199 del codice civile, intesa quale atto unilaterale contenente il riconoscimento di quanto è stato pagato e la clausola salvo buon fine. Ma tant'è: il pagato salvo buon fine è una prassi.

Ad ogni modo, se il debitore che deve effettuare il pagamento ed il creditore che deve rilasciare quietanza perfezionano l'accordo preliminare dialogando a distanza, via telefono o via e-mail; se fra debitore e creditore non c'è reciproca fiducia e non si ritiene, pertanto, di adottare nemmeno la soluzione di una clausola salvo buon fine, allora l'unica alternativa è quella di un un incontro de visu, anche per interposta persona, in cui effettuare lo scambio fra un assegno circolare e la liberatoria, previa verifica della rispondenza del contenuto del documento agli accordi intercorsi e dell'importo facciale del titolo di pagamento a quanto stabilito per chiudere il contenzioso.

24 agosto 2017 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

liberatoria per annotazione nelle banche dati cattivi pagatori
quietanza liberatoria

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
La quietanza liberatoria a seguito di un accordo transattivo a saldo stralcio serve davvero ad ottenere la cancellazione dalle Centrali Rischi o ad abbreviare i tempi di permanenza?
Prima di approfondire l'argomento indicato dal titolo, occorre svolgere alcune preliminari considerazioni sui Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) comunemente e sinteticamente indicati come centrali rischi. In Italia operano fondamentalmente tre soggetti in ambito privato (CRIF, CTC ed Experian Cerved) e uno in ambito pubblico, la Centrale Rischi (CR) gestita da ...
Se il creditore rilascia quietanza ed il debitore non adempie si presume comunque avvenuto il pagamento
A fronte di una quietanza, cioè di atto rilasciato dal creditore al debitore, al creditore quietanzante non è sufficiente provare di non avere ricevuto il pagamento. Il creditore è ammesso ad impugnare la quietanza non veritiera soltanto attraverso la dimostrazione, con ogni mezzo, che il divario esistente tra realtà e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca