Quietanza liberatoria, formalizzazione dell’accordo intercorso fra le parti e messa in mora del creditore

Argomenti correlati:

Un debitore con 5 cambiali protestate vuole saldare quanto dovuto: contatta il creditore, un agente per conto di BANCA IFIS, questi pretende, giustamente il pagamento, ma rilascia la quietanza liberatoria solo entro 60 giorni. Il debitore si dice disposto a pagare con moneta legale quanto dovuto, ma chiaramente pretende la liberatoria all’atto del pagamento. Oltretutto esige il bonifico senza indicare numero pratica e referente. La domanda è: se il creditore può negare liberatoria all’atto del pagamento (con moneta legale) e come può tutelarsi in caso di bonifico bancario senza ricevere la liberatoria.

Per cautelarsi bisogna inviare al creditore una raccomandata A/R in piego senza busta (cioè un foglio con da un lato il contenuto piegato internamente e sul retro coordinate del destinatario – in modo che a posteriori il destinatario non potrà affermare che la busta era vuota).

Nella raccomandata ci si dichiarerà disponibili a saldare il debito residuo, chiedendo, per iscritto, le coordinate IBAN dove inviare l’importo concordato per vie brevi, il numero di pratica a cui far riferimento nella causale del bonifico e l’impegno a restituire quietanza liberatoria, salvo buon fine, entro un massimo di cinque giorni dal trasferimento avvenuto ed accettato della somma.

Si chiederà inoltre di riassumere, sempre per iscritto, su carta intestata e firmata dal legale rappresentante della società, i termini dell’accordo in base al quale, a fronte di un importo originario dovuto pari ad X il creditore accetta la somma Y a saldo stralcio, rinunciando al residuo X – Y ex articolo 1236 del codice civile (dichiarazione di remissione del debito).

Last but not least, dovrà essere messo per iscritto nella risposta, l’impegno del creditore di restituire, insieme alla quietanza liberatoria, le cinque cambiali protestate in originale.

La comunicazione dovrà concludersi con il richiamo all’articolo 1206 del codice civile, secondo il quale Il creditore è in mora quando, senza motivo legittimo, non riceve il pagamento offertogli o non compie quanto è necessario affinché il debitore possa adempiere l’obbligazione.

17 Maggio 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La messa in mora del creditore e la liberazione del debitore
Cosa succede quando il debitore vuole adempiere all'obbligazione ed il creditore non accetta l'offerta e non fornisce la liberatoria? Si può mettere in mora il creditore quando questi rifiuti, senza un legittimo motivo, di ricevere il pagamento offertogli dal debitore. Effetti della costituzione in mora del creditore, sono: il dovuto risarcimento dei danni patiti dal debitore e la cessazione degli interessi dovuti da quest’ultimo al creditore. Ogni offerta di adempimento vale ad escludere la mora del debitore. Tuttavia ove quest'ultimo voglia conseguire l'effetto più ampio della liberazione dall'obbligazione è tenuto a far seguire l'offerta dal deposito liberatorio. Ma può non ...

Quali rischi può comportare una quietanza liberatoria rilasciata dal creditore senza alcun riferimento al debito rinunciato ex articolo 1236 del codice civile?
Ho letto varie volte in questo Forum che è necessario richiedere, dopo aver pagato, la liberatoria facendo riferimento a un articolo del codice civile (che ora non ricordo) citando il quale la banca titolare del credito dichiara di rinunciare alla differenza fra quanto pagato e quanto dovuto. Se la Banca non rilascia la liberatoria in questo modo cosa comporta nei miei confronti? Il debito è comunque saldato totalmente e io non rischio di ricevere da qualcun altro richieste di pagamento della differenza? L'unica cosa che può succedere è che la posizione rimanga in Banca d'Italia e nelle varie Banche dati ...

Saldo e stralcio accettato, ma la quietanza liberatoria?
Dopo aver concordato un piano di rientro con l'ente creditore attraverso una società di recupero UNIREC, ho un dubbio che vorrei sanare prima di procedere al bonifico. Nella lettera di accettazione non c'è scritta la parola liberatoria da nessuna parte. E' normale? Il testo della lettera comprende: . i miei dati . i dati del creditore . la somma da versare (specificando "saldo e stralcio della maggiore esposizione") . minacce velate sul "se non paghi procediamo per vie legali" . la clausola "l'accordo non costituisce novazione del credito". Cosa mi consigliate? Devo richiedere, prima di pagare, un documento che "promette" ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Quietanza liberatoria, formalizzazione dell’accordo intercorso fra le parti e messa in mora del creditore