Questione Pignoramento Presso Terzi

La mia questione é molto semplice:

Circa 5 anni fa ho fatto un grosso prestito in denaro contante a mio padre causa sovraindebitamento. Grazie a quei soldi è´riuscito a portare avanti tutte le pendenze fino ad oggi.

Al momento una banca con ipoteca di primo grado sta per andare a procedere al pignoramento dell’immobile casa famigliare.

Mio padre non avendo altri beni attaccabili sta valutando di sospendere i pagamenti con altra banca e altre 2 finanziarie.

Il suo “scopo” e´quello di vedersi pignorare il max. di 1/5 dello stipendio e avere pertanto maggiore liquidita´.

Ho parlato con il mio legale e mi ha indicato che tutti i creditori devono mettersi in fila e chi prima arriva prima pignora il 1/5.

Pertanto vorrei chiedervi: come faccio ad essere il primo ed a tutelare il mio diritto di credito? Potete darmi dei consigli pratici?

Bastava chiederlo al suo legale, visto che c’era …

Lei deve avere un documento che attesti il prestito effettuato. Un documento con data certa, altrimenti il giudice potrebbe pensare che lei sta solo cercando di aiutare suo padre nell’eludere gli obblighi assunti verso gli altri creditori.

Ad esempio, un estratto conto che dimostri il versamento dal suo conto corrente a quello di suo padre. Mentre, non assumono alcun valore le scritture private, se non autenticate da un notaio.

Con la documentazione che accerta il credito, a data certa e di importo quantificabile, potrà ricorrere per decreto ingiuntivo, e quindi procedere al pignoramento della stipendio di suo padre.

18 Giugno 2012 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

[risposta] Questione Pignoramento Presso Terzi
Bastava chiederlo al suo legale, visto che c'era ... Lei deve avere un documento che attesti il prestito effettuato. Un documento con data certa, altrimenti il giudice potrebbe pensare che lei sta solo cercando di aiutare suo padre nell'eludere gli obblighi assunti verso gli altri creditori. Ad esempio, un estratto conto che dimostri il versamento dal suo conto corrente a quello di suo padre. Mentre, non assumono alcun valore le scritture private, se non autenticate da un notaio. Con la documentazione che accerta il credito, a data certa e di importo quantificabile, potrà ricorrere per decreto ingiuntivo, e quindi procedere ...

Atto di pignoramento presso terzi
Sono stata citata in Tribunale per un pignoramento presso terzi insieme alla posta del mio paese e alla banca del mio paese dove però io non ho nessun conto corrente. Il mio conto corrente è cointestato con mio marito in un'agenzia postale di un altra città. Nell'atto vengono citati solo i miei crediti. Possono prelevare la somma di denaro da questo conto in cui viene accreditato lo stipendio di entrambi? Entro quale termine e a chi posso presentare l'istanza e il pagamento di un quinto dell'importo dovuto prima del pignoramento? ...

Pignoramento dello stipendio presso terzi - Il datore di lavoro può licenziare mio marito?
In riferimento a questa discussione aggiungo quanto segue: nell'atto di pignoramento presso il datore di lavoro notificato da banca IFIS è intimato, per un debito di quasi 12 mila euro, un importo da pagare fino alla concorrenza di 18 mila. Che significa? Come procedono con il pignoramento? Loro prendono i soldi dalla ditta e a sua volta il datore di lavoro preleverà dallo stipendio di mio marito? Oppure tutti i soldi saranno presi solo dallo stipendio direttamente. E di che somma si tratterebbe? Può la ditta licenziare mio marito? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Questione Pignoramento Presso Terzi