Quesito relativo a mancata ottemperanza a circolare AdE

Da diversi anni sono contitolare, con altra persona, di un conto corrente in Svizzera in CHF (disgiuntamente, con facoltà per entrambi di compiere operazioni l'uno indipendentemente dall'altro).

Entrambi ne abbiamo sempre regolarmente fatto denuncia ogni anno nel quadro RW del Mod. UNICO, inserendo ciascuno un importo pro quota pari al 50% sia della somma totale detenuta al 31/12 di ogni anno (nella Sez. II del quadro), sia delle movimentazioni in entrata ed in uscita dal conto (nella Sez. III).

In questi giorni, al momento di compilare UNICO 2012, ho però scoperto che il 13/09/2010 l'Agenzia delle Entrate ha emanato una circolare (la n. 45/E), in cui si disponeva che, in caso di attività finanziarie cointestate, il quadro RW deve essere compilato da ogni intestatario con riferimento all'intero valore delle attività stesse, qualora egli ne abbia la disponibilità piena. Cioè, nel mio caso, nel Mod. UNICO 2011 dello scorso anno (essendo la circolare datata settembre 2010) avrei dovuto inserire il 100% degli importi anziché il 50% come fatto da noi cointestatari.

Cosa è consigliabile fare ora:

1) Limitarsi a dichiarare il 100% del c/c in UNICO 2012 (ottemperando alla circolare dell'AdE) senza fare alcunchè relativamente agli anni precedenti, non essendoci stato alcun minor pagamento di imposta dovuta, né essendo stata nessuna somma sottratta all'Erario, in quanto ciascuno avrebbe comunque dovuto pagare il 50% degli interessi sul conto corrente?

2) Fare una dichiarazione integrativa relativamente al quadro RW di UNICO 2011 (in quanto le Istruzioni di Unico affermano che va barrata la casella "dichiarazione integrativa a favore", nei casi di correzione di errori od omissioni non rilevanti per la determinazione della base imponibile, dell'imposta, né per il versamento del tributo e che non siano di ostacolo all'esercizio dell'attività di controllo)? In questo caso, basta inviare solo il frontespizio ed il quadro RW rettificato del modello UNICO 2011, oppure l'intero modello con tutti i quadri? E va pagata anche qualche sanzione? Di grande o piccolo importo?

3) Oppure, caso più grave, fare addirittura un ravvedimento operoso (versando l'1.25% della somma non dichiarata - metà dell'importo del c/c -, che nel mio caso viene ad essere comunque una somma assai rilevante), in quanto il fisco potrebbe interpretare l'indicazione della quota pro capite anziché dell'intero importo del c/c per il 2010 come incompleta dichiarazione dei redditi detenuti all'estero ed agire con pesanti sanzioni?

Non siamo in grado, purtroppo, di fornire pareri affidabili su questioni come quella da lei posta.

Ma, non ho alcuna difficoltà ad aggiungere che, trovandomi io nella situazione da lei descritta, propenderei, senza alcuna esitazione, ad implementare l'opzione indicata al primo punto.

1 giugno 2012 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

dichiarazione redditi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno circolare girato da soggetto dichiarato fallito - La banca emittente deve pagare
La Banca A emette assegno circolare trasferibile (dunque di importo facciale minore di mille euro) all'ordine di B. L'assegno circolare viene trasferito da B a C. C presenta all'incasso l'assegno circolare giratogli da B, ma la banca A rifiuta di pagarlo perché emerge la circostanza che, al momento della richiesta ...
Assegno circolare - deve essere incassato entro 30 giorni dalla data di emissione
L'assegno circolare è un titolo di credito emesso da una banca autorizzata per somme che siano presso di essa disponibili al momento dell'emissione. Esso é pagabile a vista e non può essere emesso senza il nome del beneficiario. L'assegno circolare deve essere presentato al pagamento entro 30 giorni dalla data ...
Vaglia circolare non incassato e prescritto - come il richiedente può ottenere la restituzione dell'importo
Il regolamento recante le norme sui servizi di Bancoposta stabilisce che: Il trasferimento di fondi mediante vaglia postale si perfeziona con la consegna del vaglia postale al beneficiario; Il credito incorporato nel vaglia postale si prescrive il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di emissione; Ai vaglia postali si ...
Vaglia postale circolare - prescrizione breve per il beneficiario e prescrizione decennale per l'ordinante
In base a quanto disposto al DPR numero 144 del 14 marzo 2001 (Regolamento recante le norme sui servizi di Bancoposta) il trasferimento di fondi mediante vaglia postale si perfeziona con la consegna del vaglia postale al beneficiario; Il credito incorporato nel vaglia postale si prescrive il 31 dicembre del ...
Il pagamento del debito con assegno non circolare spedito al creditore estingue l'obbligazione salvo buon fine
L'assegno bancario o postale inviato tempestivamente al creditore e avente ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all'epoca del pagamento, costituisce, secondo la più recente giurisprudenza di legittimità, idoneo modo di estinguere l'obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti. Peraltro, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca