Le nuove regole europee in materia di classificazione degli intestatari di conto corrente inadempienti (o in default)

Volevo chiedervi informazioni alla luce della nuova disposizione decorrente dal primo gennaio 2021 in base alla quale, se per più di 90 gg si rimane in rosso sul cc, si rischia di essere dichiarati “cattivi pagatori” con tutto quello che ne consegue.

Il mio caso è quello di una persona che ha un addebito mensile su cc, da parte di una nota finanziaria per rimborso di un prestito personale e delle spese effettuate con carta di credito

Entrambe mi scadono ogni 15 del mese e puntualmente io le pago sempre in ritardo appena ho possibilità, sempre entro il mese di competenza. Faccio presente che io ho un conto corrente online dove ho questi Rid, ed un altro conto corrente ove mi viene accreditato lo stipendio.

Purtroppo sono stato licenziato ed avendo quasi 60 anni credo che per parecchio (sicuramente più dei 3 mesi canonici) non riuscirò a pagare la finanziaria.

Avevo pensato di chiudere i rid sul cc e chiedere di rimborsare tramite bollettini postali, così il conto corrente in questione non andrà in rosso e non sarò dichiarato in Default.

Ma se non pagherò appunto la finanziaria, essere iscritto nella Crif o altre società di recupero crediti e altro, potrebbe sempre causarmi la chiusura del conto corrente online o di aprirne altri? Cosa mi consigliate di fare?

A partire dal primo gennaio 2021 le banche applicheranno il nuovo regolamento europeo in materia di classificazione delle controparti inadempienti (meglio conosciuto come default)
.
La nuova disciplina, ovvero la nuova definizione di cliente in default, stabilisce criteri e modalità più restrittive in materia di classificazione a default rispetto a quelli finora adottati, con l’obiettivo di armonizzare la regolamentazione tra i diversi paesi dell’Unione Europea.

I principali cambiamenti introdotti prevedono che le banche definiscano automaticamente come inadempiente il cliente che presenta un arretrato consecutivo da oltre 90 giorni, il cui importo risulti, allo stesso tempo superiore ai 100€ e superiore all’1% del totale delle esposizioni verso il Gruppo bancario.

Regolarizzato l’arretrato e passati almeno 90 giorni da tali regolarizzazioni senza che si verifichino ulteriori situazioni di arretrato o ulteriori eventi pregiudizievoli, decadrà la segnalazione di inadempienza.

Ora, il problema della segnalazione di default dell’intestatario di conto corrente o quella relativa alla segnalazione in sofferenza censita sicuramente nella Centrale Rischi pubblica e forse in qualche Sistema di Informazioni Creditizie privato come la Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria precludono sicuramente l’accesso al credito, ma non necessariamente l’apertura di un nuovo conto corrente, specie se di base, ovvero senza la consegna di un carnet di assegni bancari o di affidamento (possibilità di sconfinare in rosso entro certi limiti).

Probabilmente la finanziaria opporrà qualche resistenza a concedere il pagamento delle rate via bollettino postale, soprattutto se l’addebito della rata mensile in conto corrente bancario era stato concordato in sede di stipula contrattuale, per cui farà sicuramente prima a revocare gli addebiti in conto corrente (sarà la finanziaria a contattarla per stabilire nuove modalità di pagamento.

Sinceramente, aggiungo, se un debitore rimane senza reddito per poter far fronte al debito accumulato, ha poco senso discettare sulla scelta del tipo di segnalazione a cui andare incontro.

Certamente, nel prossimo futuro, le sarà precluso qualsiasi accesso al credito (compreso l’utilizzo della carta). Indipendentemente da una eventuale segnalazione di default per scoperto di conto corrente. Potrà tuttavia continuare ad utilizzare il conto corrente senza addebiti, libretto di assegno o fido (conto corrente di base).

22 Gennaio 2021 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Consumatore in default - Facciamo luce sulle nuove regole europee
Vorrei avere un quadro dettagliato sulle nuove regole, in vigore a livello europeo, che penalizzano il consumatore che potrebbe diventare inadempiente presso l'istituto di credito anche per pochi euro o rate. Potrei avere chiarimenti? ...

Conto corrente - intestatari e delegati
Quando il rapporto di conto corrente è intestato a più persone con facoltà di compiere operazioni anche in modo disgiunto, le disposizioni relative al rapporto stesso, anche se relative alla sua estinzione, potranno essere effettuate da ciascun intestatario separatamente, con piena liberazione della Banca anche nei confronti degli altri cointestatari. In ogni caso, i cointestatari rispondono in solido tra di loro, nei confronti della Banca e di terzi a qualsiasi titolo, per tutte le obbligazioni che si venissero a creare, per qualsiasi ragione, anche per fatto o atto di un solo cointestatario, ed in particolare per le obbligazioni derivanti da ...

Conto corrente in rosso dal 2014 con addebito degli interessi corrispettivi per mancato rimborso importo utilizzato con carte revolving
Dal 2014 ho il conto in rosso per addebiti di carta di credito della stessa banca non onorati e con conseguente iscrizione in CRIF nella sezione presenza eventi rilevanti e in Centrale Rischi Banca d'Italia. Entrando nel sito della banca con le mie credenziali noto l'assenza di estratti conto a partire da gennaio 2016 il che mi fa presumere che e stato creato un conto corrente di sofferenza dove vengono addebitati gli interessi legali e non quelli normali che comprendono gli interessi da scoperto di conto corrente non affidato, non ho mai richiesto fido. Non so se devo considerare il ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Le nuove regole europee in materia di classificazione degli intestatari di conto corrente inadempienti (o in default)