Quanto tempo ho a disposizione per rinunciare all'eredità?

Vorrei sapere quanto tempo ho per rinunciare all'eredità dopo il decesso di un genitore, dato che l'operazione ha comunque un costo. Ho letto su questo forum 10 anni, poi invece tre mesi in un post successivo.

In pratica posso attendere senza rinunciare che un creditore ‘si faccia vivò contattandomi per poi rinunciare? Se passano 10 anni senza che nessuno mi contatti, posso dichiararmi ‘fuori pericolò o possono ancora aggredirmi?

Può darsi benissimo che in un post ci sia scritto che il chiamato all'eredità possa accettare con beneficio di inventario entro dieci anni dalla morte del defunto e che in un post successivo (ma anche in uno precedente) sia invece riportato che il chiamato debba scegliere se accettare l'eredità con beneficio di inventario entro tre mesi.

Dipende se il chiamato all'eredità è in possesso dei beni appartenenti al defunto (ad esempio conviveva con il defunto, il quale conservava nella propria dimora gioielli, collezioni, quadri d'autore eccetera), oppure no.

Nel primo caso il chiamato all'eredità ha soli tre mesi di tempo per redarre la lista dei beni del defunto (inventario) ed esplicitare la scelta di accettare semplicemente o con beneficio d'inventario. Se il chiamato, in possesso dei beni appartenenti al defunto, non dichiara nei tre mesi successivi alla morte del de cuius che intende rinunciare all'eredità, o accettare con beneficio d'inventario, scatta l'automatica presunzione di accettazione tacita dell'eredità, per cui il chiamato diventa erede vero e proprio, con obblighi e diritti conseguenti.

Nel secondo caso, invece, il chiamato, NON in possesso dei beni appartenenti al defunto, può chiedere l'accettazione con beneficio d'inventario entro dieci anni dal decesso. E' ovvio che, in questo lasso di tempo e prima dell'eventuale accettazione, il chiamato all'eredità non potrà disporre dei beni appartenuti al defunto (liquidità e titoli in conto corrente, immobili, con relative pigioni, veicoli, impianti, attrezzature, eccetera) senza autorizzazione giudiziale, incorrendo, in caso contrario, in una presunta accettazione tacita dell'eredità.

La dichiarazione, in ambedue le evenienze, va resa (con costi contenuti) al cancelliere del Tribunale competente territorialmente (quello dove il defunto aveva la residenza o domiciliava al momento della dipartita) oppure ad un notaio (con costi naturalmente superiori rispetto a quelli offerti dalla prima soluzione).

I dieci anni sono calibrati sulla durata della prescrizione lunga: qualsiasi creditore può chiedere il rimborso all'erede entro dieci anni, al massimo, dalla data di concessione al defunto del prestito non rimborsato (o dalla data in cui viene accertata o ingiunta l'obbligazione del defunto, per quel che attiene i debiti esattoriali). Per assurdo, il caso più sfortunato (per l'erede, oltre che per il debitore defunto) sarebbe quello in cui il contratto di prestito fosse stato stipulato dal debitore defunto il giorno prima del decesso: ed ecco, appunto, spiegato il termine decennale, che consente al chiamato di poter effettuare una scelta consapevole, valutando da un lato il valore dei beni che può ereditare accettando e dall'altro l'importo complessivo di tutta la possibile esposizione debitoria del defunto che può emergere nell'arco dei dieci anni (e che il chiamato deve rimborsare, se accetta) prima che intervenga la prescrizione.

20 dicembre 2016 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione eredità con beneficio inventario
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bollette e fatture » Quando e quanto tempo tenerle da parte
Bollette, fatture e altri documenti importanti: ecco perché e per quanto tempo vanno conservati. Ci sono dei documenti che è sempre meglio conservare. Perciò, prima di sbarazzarvi di tutti i vecchi documenti, è meglio che seguiate questi consigli per evitare che, un domani, qualcuno possa bussare alla vostra porta e ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Quando il creditore può accettare l'eredità in nome e per conto del debitore rinunciante
Purtroppo Giancarlo, sul suo debito non è invocabile alcuna prescrizione, dato che prima del 31 dicembre 2010 una finanziaria (cui è stato evidentemente ceduto il credito garantito dalla sua fideiussione) le ha chiesto di regolarizzare la sua posizione. Qualsiasi donazione dei beni di proprietà ad opera di un debitore può ...
Fondo patrimoniale – atti di disposizione ed esecuzione forzata
Il fondo patrimoniale, previsto negli articoli da 167 a 171 del Codice civile, è un complesso di beni (immobili, mobili registrati o titoli di credito) costituito al fine di soddisfare i bisogni della famiglia. La sua funzione principale è, quindi, quella di soddisfare i bisogni della famiglia (ossia quelli relativi ...
Multa per guida con il telefono cellulare » Anche al medico: non sussiste lo stato di necessità
Multa per guida con telefono cellulare: anche l'urgenza non ne giustifica l'uso. Neanche le urgenze scusano l'utilizzo del cellulare al volante: lo stato di necessità può essere invocato solo in caso di effettiva situazione di pericolo imminente di danno grave alla persona, non altrimenti evitabile, ovvero l'avere agito in esecuzione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca