Il quinto di pignoramento si calcola sullo stipendio al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo della cessione del quinto, del prestito delega e di altri pignoramenti in corso

In riferimento a questa ed a quest'altra precedente discussione, forse non ho spiegato bene la questione: le due cessioni del quinto riguardano due finanziarie quindi non hanno niente (presumo) a che fare con pignoramento di crediti alimentari. Inoltre con la prima trattenuta ho uno stipendio di circa 1000€ il quinto che mi si sta applicando di €386 non mi sembra giusto visto che il quinto di trattenuta si applica al netto dello stipendio.

C'è un equivoco di fondo: il 20% di pignoramento si applica allo stipendio al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo della cessione del quinto, del prestito delega e di altri pignoramenti in corso (per crediti di natura diversa).

Facciamo un esempio: il debitore percepisce uno stipendio netto di 2 mila euro, ha in essere una cessione del quinto per 400 euro, un prestito delega (doppio quinto) per altri 400 euro, ed un pignoramento per crediti alimentari in corso per 200 euro.

E' chiaro che l'accredito dello stipendio in banca sarà di mille euro, ma questo non rileva nel calcolo del 20%. Infatti, se un creditore di natura ordinaria ottenesse il pignoramento dello stipendio nella misura del quinto, la quota prelevata sarebbe di 400 euro, in quanto calcolata sullo stipendio di 2 mila euro (al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo della cessione del quinto, del prestito delega e di altri pignoramenti in corso).

Il giudice dovrà poi verificare che la somma della quota ceduta (non quella delegata) e delle quote pignorate non superi la metà dello stipendio (sempre al netto degli oneri fiscali e contributivi e al lordo di cessioni e pignoramenti in corso): nell'esempio fatto, i prelievi per cessione e per pignoramenti non devono superare (ed infatti non superano) i mille euro (la metà di duemila).

Supponiamo adesso, per comprendere quando e come entra in gioco la cessione del quinto nella limitazione della pignorabilità dello stipendio, che, stante tutte le ipotesi precedentemente assunte, il pignoramento per crediti alimentari risulti essere, invece, di 300 euro.

Il creditore procedente per crediti di natura ordinaria avrebbe diritto sempre ad una quota teorica dello stipendio pari a 400 euro. Ma, in questo modo, la somma della quota ceduta (400 euro) e delle quote pignorate (300 preesistente per crediti alimentari e 400 per crediti ordinari) raggiungerebbe il totale di 1.100 euro. Questo non può accadere ed il giudice assegnerebbe al creditore procedente per crediti ordinari solo 300 euro e non i 400 teorici per far quadrare le regole vigenti sul limite di pignorabilità dello stipendio.

13 aprile 2016 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cessione del quinto
pignoramento stipendio
prestito delega

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Coesistenza fra pignoramento stipendio e cessione del quinto - calcolo delle quote pignorabili e cedibili
Cosa succede quando pignoramento dello stipendio e cessione del quinto si cumulano. Come si calcola la quota pignorabile quando il pignoramento dello stipendio è successivo ad una cessione del quinto. Le regole per determinare la quota cedibile che si applicano nel caso in cui, invece, la cessione del quinto dello ...
Pensione di invalidità - Per ottenerla va preso a riferimento il reddito IRPEF al netto degli oneri deducibili o quello lordo?
Il reddito cui occorre fare riferimento per la pensione d'invalidità civile è quello imponibile, costituito dal reddito complessivo del contribuente al netto degli oneri deducibili (indicati dall'articolo 10 della legge 917/1986 - Testo Unico delle Imposte sul Reddito o TUIR) quali, tra gli altri, le spese mediche, gli assegni periodici ...
Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...
Riduzione della retribuzione ed effetti sulla cessione del quinto
Qualunque vicenda che incida sulla misura della retribuzione può, in concreto, produrre effetti anche sulla cessione del quinto dello stipendio: si pensi, per esempio, alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, all'irrogazione di una sanzione pecuniaria o di una sospensione per illecito disciplinare che decurti ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca