Quale quota di pensione possono prelevare conseguentemente a richiesta di risarcimento danni?

Percepisco pensione netta di € mille e 249,77 euro (già dedotti € 289 per cessione quinto), lorda euro 2 mila e 6,20 euro. Mi chiedono risarcimento danni per Direzione Lavori chiusa nel 2015 (ero geometra ho chiuso attività 31/12/2016).
NON ho immobili intestati, non ho denari per pagare importo danni (non ancora comunicato , presumo € 20.000/25.000)
Quale importo possono decurtarmi?.

Dunque, lei percepisce una pensione, al netto degli oneri fiscali ed al lordo della cessione del quinto, pari a circa 1539 euro.

Attualmente (2018) l'importo massimo dell'assegno sociale INPS è pari a circa 453 euro, per cui il minimo vitale, valorizzato come importo massimo dell'assegno sociale aumentato della metà, si posiziona intorno ai 680 euro.

Com'è noto, al pensionato può essere pignorato il 20% della parte della pensione percepita (considerata al netto degli oneri fiscali ed al lordo di eventuali trattenute per cessione del quinto e/o ex articolo 156 codice civile) che eccede il minimo vitale.

Nel caso esposto, può essere pignorato il 20% di (1539 - 680) euro, ovvero circa 172 euro (SE&O).

24 aprile 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

minimo vitale
pignoramento pensione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Illegittima iscrizione di ipoteca esattoriale - la cancellazione va richiesta al giudice tributario mentre l'istanza di risarcimento danni va presentata al giudice ordinario
L'iscrizione di ipoteca esattoriale su immobili è atto impugnabile davanti al giudice tributario, qualora i crediti garantiti dall'ipoteca abbiano natura tributaria. Così alla Commissione Tributaria Provinciale (CTP) va indirizzata la domanda di cancellazione dell'ipoteca per l'asserita insussistenza della pretesa tributaria sottostante all'iscrizione ipotecaria. La decisione sulla condanna alla cancellazione del ...
Risarcimento danni a seguito di tamponamento stradale - Se non sono coinvolte persone le spese di lite possono essere ridotte dal giudice
La controversia avente ad oggetto il risarcimento dei danni causati da un tamponamento stradale, causativo di soli danni a cose, deve ritenersi rientrante tra le cause di particolare semplicità, con la conseguenza che il giudice di merito, all'esito di tale controversia, ha facoltà di liquidare le spese di lite in ...
Sinistro stradale causato da ignoti - il risarcimento per danni alle cose è dovuto solo in caso di lesioni gravi alla persona
Nel caso di sinistro stradale causato da veicolo non identificato, il risarcimento per i danni alle cose è dovuto solo in caso di danni gravi alla persona, e solo per la parte eccedente la franchigia di 500 euro: per danni gravi alla persona debbono intendersi quelli che provocano postumi permanenti ...
Lavori di ristrutturazione del condominio » Per i danni ad un singolo appartamento chi è obbligato al risarcimento danni?
Condominio: chi paga quando i lavori sono fatti male e danneggiano un singolo appartamento. Quando i lavori condominiali creano un danno al singolo appartamento, si crea una complessa catena di responsabilità. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20557/14. Da ciò che si evince dalla suddetta ...
Risarcimento danni a causa di disservizi per il servizio internet » Le ipotesi per il consumatore
La compagnia erogatrice del servizio internet è obbligata al risarcimento danni del consumatore che, per il disservizio, abbia ricevuto un danno patrimoniale. La compagnia telefonica risarcisce l'imprenditore per lucro cessante, se questo è provato dal bilancio, causato da un disservizio sulla linea. Questo, in breve, l'orientamento espresso dalla Corte di ...

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca