Quale è il tribunale di competenza ?

Cinque anni fa ho dato in locazione un appartamento con regolare contratto registrato, successivamente lo stesso contratto è stato ceduto ad un altra persona. Quest'ultima persona mi dava regolare disdetta dicendomi che l'appartamento sarebbe stato a mia completa disposizione.

Al contrario, invece di consegnarmi le chiavi dell'appartamento le ha date a un suo parente che attualmente vive ancora lì. A parte la causa che ho già intrapreso contro la persona che attualmente occupa l'appartamento per occupazione abusiva e senza titolo le mie domande sono le seguenti :

Posso fare causa per danni alla persona che mi aveva dato disdetta dell'appartamento e poi invece lo ha lasciato nella disponibilità di un altro?

La persona che mi ha dato la disdetta dell'appartamento, è attualmente iscritta all'A.I.R.E perchè vive all'estero. Il tribunale competente per fargli causa, è quello dove ha lei la residenza in Italia? E' quello dove ho la residenza io? O quello dove si trovava l'appartamento dove lei abitava prima che non mi ha mai consegnato?

Faccio questa domanda, perchè con l'attuale occupante non recupererò niente, mentre con la precedente anche se vive all'estero visto che lavora forse recupererò qualcosa.

Se ha già intrapreso una causa la persona più indicata a cui rivolgere le sue domande è senz'altro l'avvocato che la segue.

Egli conosce le carte e i fatti e dunque potrà consigliarla in modo appropriato se, e come, procedere per ottenere un eventuale risarcimento danni.

13 giugno 2012 · Genny Manfredi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rc auto scaduta e possibili sanzioni » Norme e chiarimenti
Nei quindici giorni di tolleranza per mancata copertura dell'rc auto, l'automobilista non incorre in sanzioni, a meno che che l'assicurazione non sia stata oggetto di disdetta. L'unica possibilità di applicazione della sanzione è per omessa esibizione del contrassegno o mancanza del certificato assicurativo. Anche dopo la recente riforma in merito ...
Recesso anticipato del conduttore dal contratto di locazione ad uso non abitativo - Sopravvenienza di gravi motivi ed eccezioni
I gravi motivi che consentono il recesso del conduttore dal contratto di locazione devono essere determinati da fatti estranei alla sua volontà, imprevedibili e sopravvenuti alla costituzione del rapporto. Tale requisiti ricorrono anche quando una nuova normativa imponga al conduttore l'osservanza di determinate regole per lo svolgimento dell'attività programmata all'interno ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – precauzioni
Per l'Ufficiale Giudiziario, tutto quanto presente nell'appartamento in cui risiede il debitore è pignorabile, a meno che l'effettivo proprietario non riesca a produrre fattura nominativa dell'acquisto del singolo bene. Per risolvere il problema esistono diverse soluzioni. Una soluzione potrebbe consistere nella sottoscrizione di un contratto di locazione dell'appartamento ammobiliato (con ...
Notifica degli atti - Legittima se perfezionata al domicilio abituale del destinatario e non alla sua residenza anagrafica
Ai fini della determinazione del luogo di residenza o dimora della persona destinataria della notifica, rileva esclusivamente il luogo ove essa dimora di fatto in modo abituale, rivestendo le risultanze anagrafiche mero valore presuntivo circa il luogo di residenza e potendo essere superate, in quanto tali, da una prova contraria, ...
L'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale spetta al conduttore anche se dopo la disdetta ha trasferito altrove la propria attività
L'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale spetta al conduttore per il solo fatto che il locatore abbia assunto l'iniziativa di non proseguire la locazione e che l'intervenuta disdetta inviata dal locatore è idonea a far sorgere, ove ne ricorrano gli altri presupposti, il diritto del conduttore all'indennità di avviamento. Risulta ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca