Può Equitalia pignorare ad un agente di commercio l'intero trattamento di fine rapporto?

Ad inizio novembre Equitalia ha notificato ad Enasarco e a me (debitore) un atto di pignoramento presso terzi per oltre 50 mila euro: a gennaio 2017 ho richiesto la liquidazione del FIRR che sarebbe il fondo indennità risoluzione rapporto, una sorta di TFR degli agenti di commercio. Oggi noto dalla schermata online che Enasarco ha accolto la domanda, e ha liquidato l'intero importo ad Equitalia verso fine gennaio.

Può Enasarco liquidare l'intero FIRR a Equitalia oppure aveva dei limiti (tipo 1/5 o 1/10)? Se i limiti c'erano, cosa posso fare?

I crediti, compreso il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) e il Fondo di Indennità di Risoluzione Rapporto (FIRR), derivanti dai rapporti di agenzia, di rappresentanza commerciale ed altri rapporti di collaborazione che si concretizzino in una prestazione di opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato, sono pignorabili nei limiti di un quinto.

E' quanto stabilito dalla sentenza 685/2012 della Corte di cassazione pronunciata per accertare se il limite alla pignorabilità dei crediti verso terzi vantati da un agente di commercio e comunque derivanti da rapporti di collaborazione di agenzia e rappresentanza commerciale fosse, o meno, vincolato alla misura del 20%.

A lei non resta che affidarsi ad un avvocato per presentare ricorso al giudice delle esecuzioni del Tribunale territorialmente competente.

9 febbraio 2017 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento del trattamento di fine rapporto (TFR)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e trattamento di fine rapporto - problematiche
I contratti di cessione del quinto dello stipendio prevedono, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro per qualsiasi causa, quando ancora non è stato estinto il debito contratto con la finanziaria, che il datore di lavoro trattenga e versi al creditore l'ammontare dell'intero trattamento di fine rapporto (TFR) dovuto ...
Trattamento di fine rapporto e trattamento di fine servizio (o indennità di buonuscita) - Differenze
L'indennità di buonuscita (trattamento di fine servizio o TFS) è l'importo che spetta ai dipendenti civili e militari dello Stato assunti a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2000, alla cessazione, per qualunque causa, del rapporto di lavoro con l'Amministrazione di appartenenza. Il trattamento di fine rapporto (TFR), invece, è ...
Pignoramento quinto stipendio » Anche per agenti di commercio
Non sussistono differenze tra dipendenti subordinati e parasubordinati: anche per gli agenti di commercio il pignoramento dello stipendio è valido solo nei limiti di un quinto. Gli emolumenti degli agenti di commercio possono essere sottoposti solo nel limite di un quinto e non per l'intera misura della retribuzione dovuta dal ...
Trattamento di fine rapporto in busta paga ad aprile - il modulo per la domanda al datore di lavoro
Con lo stipendio di aprile 2015 sarà possibile ottenere il pagamento della quota maturanda del trattamento di fine rapporto come parte integrativa della retribuzione. Di questa nuova opportunità potranno beneficiare i lavoratori dipendenti del settore privato che hanno un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso la ...
Pignoramento presso terzi - possibile anche se il debitore è un agente di commercio
Ai sensi dell'articolo 1748, quarto comma codice civile: “Salvo che sia diversamente pattuito, la provvigione spetta all'agente dal momento e nella misura in cui il preponente ha eseguito o avrebbe dovuto eseguire la prestazione in base al contratto concluso con il terzo. La provvigione spetta all'agente, al più tardi, inderogabilmente ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca