Può la mia ex convivente (dalla quale ho avuto tre figli ancora minori) occupare la casa familiare (di mia proprietà) insieme al suo nuovo compagno?

Da ottobre 2017 cerco accordo di separazione con ex convivente che attualmente occupa appartamento di mia proprietà in cui abbiamo vissuto insieme ai nostri 3 figli, ancora minori.

Ella sfugge ad ogni proposta di accordo bonario: si è fidanzata dall'ottobre 2017 con altra persona dopo solo 1 mese dopo l'interruzione della nostra convivenza.

Potrà dopo assegnazione casa coniugale convivere con nuovo fidanzato nella ex casa familiare? Perde il diritto all'assegnazione della casa familiare con la convivenza con altro compagno?

In giurisprudenza, l'orientamento consolidato (vedasi Cassazione 18863/2011) è quello secondo il quale, l'assegnazione della casa familiare rappresenta esclusivamente uno strumento di garanzia e protezione della prole: pertanto, è pacificamente ammessa la possibilità di assegnare, nell'ipotesi di cessazione di un rapporto di convivenza more uxorio, l'abitazione al convivente more uxorio affidatario dei figli minorenni o che viva con figli maggiorenni non economicamente autosufficienti.

L'attribuzione dell'alloggio, quindi, è senz'altro condizionata all'interesse dei figli.

Ora, l'articolo 155 quater, primo comma, del Codice Civile, prevede la revoca dell'assegnazione della casa familiare nel caso in cui l'assegnatario conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio.

Tuttavia, la Corte Costituzionale, con la sentenza 308/2008, ha sancito che l'articolo 155 quater del Codice Civile deve essere interpretato nel senso che la convivenza more uxorio o il nuovo matrimonio dell'assegnatario della casa non sono circostanze sufficienti, di per se stesse, a determinare la cessazione dell'assegnazione.

La revoca dell'assegnazione, infatti, deve essere subordinata ad un giudizio di conformità all'interesse del minore.

Insomma, la sua ex convivente, fino a quando tutti i figli non diverranno maggiorenni ed economicamente autosufficienti, potrà occupare la casa familiare assegnatale anche in convivenza con il suo nuovo compagno.

E' questo, presumibilmente, il motivo per il quale la madre dei suoi figli sembrerebbe sfuggire ad ogni proposta di accordo bonario finalizzato a mettere in discussione un diritto che ella ritiene, ormai, pienamente acquisito.

17 maggio 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegnazione casa familiare

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Casa familiare - Ipoteca, pignoramento, espropriazione ed assegnazione al coniuge affidatario » Pillole di giurisprudenza
Il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario non paralizza il diritto del creditore di procedere con azione esecutiva di pignoramento ed espropriazione sul bene oggetto dell'assegnazione (Cassazione 12466/12). Il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, non è opponibile al creditore ipotecario che ...
Separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale può essere modificato in sede di appello, anche se non è stato oggetto di specifica impugnazione, per circostanze sopravvenute. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza del 28.04.2010 numero 10222. In particolare la Corte ha ritenuto che il trasferimento dell'unico ...
Separazione » figlio deve abitare stabilmente l'ex casa coniugale per non far decadere l'assegnazione
In tema di separazione personale ed assegnazione della casa coniugale, è necessaria la convivenza del figlio maggiorenne con il genitore collocatario. Qualora il ragazzo abbandoni l'abitazione, è legittima la revoca. L'assegnazione della casa coniugale è una delle questioni più conflittuali tra coniugi freschi di separazione. La questione si complica quando ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Provvedimento di assegnazione della casa familiare - Non opponibile al creditore se posteriore ad iscrizione ipotecaria
Com'è noto, il provvedimento di assegnazione della casa familiare nell'interesse dei figli è opponibile ai terzi: in particolare il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, avendo per definizione data certa, è opponibile, anche se non trascritto, al terzo acquirente in data successiva per nove anni dalla ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca