Pubblicità Radio

Sono il Titolare di una piccola impresa locale, tempo fa ho sottoscritto un contratto con una radio per degli spot radiofonici.

Ora essendo drasticamente calato il lavoro, probabilmente sarò costretto a chiudere, ho pagato i primi 2 spot 300 € + iva il terzo invece non l’ho saldato perchè non ne ho possibilità.

Il quarto non è mai uscito. Ora mi chiedo cosa possono farmi quelli della radio se io non pago il terzo spot?

Nel contratto vi è un errata trascrizione d’importo totale da pagare perchè risultano 100 € di realizzazione spot (che invece ho fornito io), ora mi chiedevo se anche questo costo me lo hanno stornato in fattura, può provocare una nullità di contratto?

Questione troppo complicata quella della nullità del contratto da poter affrontare senza prenderne compiutamente visione.

E, sicuramente, questione ridondante se rapportata alle problematiche di un debito di 150 euro più IVA.

Grazie alla normativa sulla privacy, è sicuro, almeno, che i creditori non potranno nemmeno togliersi lo sfizio di diffondere uno spot in cui rendere di dominio pubblico la sua morosità.

24 Gennaio 2015 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Disservizi Dazn: arriva la sanzione Agcm per pubblicità ingannevole - Rimborsi più vicini?
Dopo vari mesi di disservizi ho deciso di disdire l'abbonamento mensile a Dazn, dove seguivo i match non compresi da Sky: in quasi tutte le partite visionate ho avuto problemi di visione e mi ero stancato. Vorrei sapere se, visto che gli spot televisivi non parlavano assolutamente di imprevisti e malfunzionamenti, può essere previsto un rimborso. ...

Pubblicità ingannevole » Agcm infligge una grossa multa a Dash
Pubblicità ingannevole comparativa: Incisiva sì, ma anche pericolosa. Ne avevamo già parlato in questo blog di quegli spot che, più o meno esplicitamente, mettono a confronto più prodotti annunciandone una qualità superiore o un prezzo concorrenziale. Ora l'Agcm (Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato) sanziona Dash per concorrenza sleale contro l'antagonista Dixan. Già, la disputa fra i due più diffusi marchi di detersivi, Dash e Dixan, rispettivamente prodotti e distribuiti da P&G ed Henkel, si è conclusa con la vittoria di quet’ultima. A mettere fine alla vicenda sono state le sentenze dell'AGCM e dello IAP (Istituto Autodisciplina Pubblicitaria). Pubblicità ...

Pubblicità ingannevole comparativa » Multata la società che produce Dixan
L'Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato (Agcm) ha inflitto una pesante multa alla Henkel, società produttrice del noto marchio Dixan, per pubblicità ingannevole comparativa. A parere dell'antitrust, infatti, Dixan non lava meglio di Dash. Prima di descrivere i dettagli della vicenda, è bene definire cosa significa pubblicità ingannevole e cosa pubblicità comparativa. La pubblicità è ingannevole quando è in grado di indurre in errore l'impresa alla quale è rivolta, pregiudicandone il comportamento economico, o quando è idonea a ledere un concorrente. L'ingannevolezza può riguardare le caratteristiche dei beni o dei servizi, come la loro disponibilità o la data di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pubblicità Radio