Provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo per recupero crediti

Da opposizione a decreto ingiuntivo per credito professionale (debitori/opponenti a mia azione, intimante/convenuto, conseguente credito professionale) ho ottenuto provvisoria esecuzione.

Il mio avvocato dice che se non pagano , dopo termine comunicato ad opponenti di 15gg , chiediamo pignoramento immobili (unica soluzione concreta)

Il mio dubbio è: cosa succede se dopo il pignoramento (con tutto ciò che consegue) viene disposto da G.I. (prossima udienza 23/05/2019) il pagamento ad esempio , di parte o solo il 50% di quanto richiesto.
mi sembra rischioso , ovvero il pignoramento non sarebbe meglio chiederlo solo se ho la certezza del rimborso totale?

Evidentemente il suo avvocato, che conosce a fondo le carte meglio di chiunque, ed al quale più correttamente avrebbe dovuto essere posta la domanda, ha concluso che l’opposizione del debitore non è finalizzata a contestare l’esistenza, la certezza e la liquidità del credito da lei vantato, ma si limita ad impugnare l’entità dello stesso.

Ne consegue solo che, anche se l’opposizione fosse accolta dal giudice e l’importo portato dal decreto ingiuntivo subisse la decurtazione della metà, il ricavato dell’espropriazione verrebbe assegnato al creditore procedente non per l’intero credito reclamato, ma solo per la metà.

Prima della vendita all’asta del bene pignorato, comunque, il debitore potrebbe anche chiedere la conversione del pignoramento e pagare al creditore procedente la somma stabilita dal giudice in sede di opposizione a decreto ingiuntivo.

La strategia adottata mi sembra ineccepibile.

17 Novembre 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ipoteca conseguente a provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo
Su ricorso nei confronti dei suoceri miei debitori, il giudice ha sciolto riserva ed ha concesso provvisoria esecuzione al decreto ingiuntivo. In accordo con avvocato, ho scelto l'IPOTECA quale misura cautelare con cui vincolare un immobile dei debitori in quanto i suoceri asseriscono di non avere soldi per pagare il debito, ma hanno immobili di proprietà. Ciò detto, la IPOTECA sarà efficace, ossia la si può far valere, anche per successione (suoceri hanno 90 anni)? ...

Decreto Ingiuntivo da società di recupero crediti - Quali elementi su cui basare una eventuale opposizione?
Per motivi economici nel 2013 ho smesso di pagare una carta revolving con fido di 5000 euro e rimborso rateale di 250 euro mensili e dopo varie sollecitazioni da parte della finanziaria, mi è arrivata una raccomandata di una società di recupero crediti che dice che hanno comprato il debito e che devo pagare entro 20 giorni la somma di 7000 euro, altrimenti daranno il via alle iniziative volte al recupero; ma che nel frattempo sono disponibili ad un contatto per venire incontro alle mie difficoltà. Per varie modalità di pagamento, a questo punto ho richiesto alla società di recupero ...

Il decreto ingiuntivo nel recupero crediti
Il decreto ingiuntivo può essere richiesto da chi sia creditore di una somma liquida di denaro o di beni fungibili, cioè che non siano un "pezzo" unico, anche per motivi affettivi (o che sia creditore di un determinato bene mobile). La richiesta viene rivolta ad un giudice (competente per materia, territorio ed ammontare) il quale -valutati i fatti esposti dal richiedente- emette ingiunzione di pagamento o di consegna. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo per recupero crediti