Provare che non esiste rapporto ne vincolo tra il mio convivente e le mie figlie

Come posso legalmente provare che non esiste nessun legame di parentela, affinità, affetto e qualunque altro vincolo tra il mio compagno, convivente nella mia casa, con un suo reddito e una sua indipendenza fiscale, e le mie figlie alle quali provvedo solo e soltanto io al loro mantenimento fisico e studentesco?

Perchè devo a priori rinunciare (e con me devono rinunciare le mie figlie) alle agevolazioni offerte per il diritto allo studio, quando ne io ne loro abbiamo altri redditi o introiti veri?

Perchè esiste la presunzione che una persona convivente debba necessariamente contribuire all'economia di persone alle quali nulla lo lega e verso le quali nulla deve?

Se invalidano l'isee di mia figlia, viene fatta un'ingiustizia assurda perchè nessuno (tranne me con il mio lavoro) la aiuta economicamente e nessuno è più in grado di sostenere altre spese!!!

Gentile signora, io provo a dare una risposta al suo quesito, per quanto possibile corretta. Di più non posso fare e non sono responsabile delle leggi vigenti in materia di DSU/ISEEU.

Il suo compagno ha un vincolo di parentela con la vostra figlia comune. Quest'ultima ha un vincolo di parentela con lei. Lei ha un vincolo di parentela con le due figlie avute dal precedente matrimonio. Volendo proporre un'analogia matematica, i soggetti appena elencati sono fra loro legati da vincoli di parentela per una sorta di proprietà transitiva. Per questo motivo sono stati inclusi nella stessa famiglia anagrafica.

Ancora, se acquisisse presso di lei residenza il suo ex suocero, questi avrebbe un rapporto di parentela con le due nipoti e verrebbe incluso nella vostra stessa famiglia anagrafica anche se lei non ha più nulla da spartire con il suo ex marito.

Ora la famiglia anagrafica (quella che vien fuori dallo stato di famiglia) è la base per individuare i componenti del nucleo familiare ISEE.

Un componente della famiglia anagrafica può essere escluso dal nucleo familiare solo se ricorrono determinate condizioni. Fra queste le più frequenti sono:

  1. il soggetto è coniugato, non convive con il coniuge ed ha eletto residenza coniugale presso il coniuge;
  2. il soggetto non percepisce reddito ed è a carico fiscale di altri che non fanno parte della famiglia anagrafica.

Il suo problema, se non vogliamo andare tanto per il sottile, non è quello di escludere il suo compagno dal nucleo familiare ISEE. Il vero problema è di "buttarlo fuori" dalla famiglia anagrafica, cioè dal suo stato di famiglia.

Se riesce ad ottenere questo risultato, recandosi in anagrafe ed interagendo con i funzionari, ha raggiunto il suo obiettivo.

16 novembre 2011 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ISEE

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Diritto di abitazione » Il beneficiario che ha avuto in eredità l'immobile non può cacciare dall'abitazione il convivente del deceduto
Convivenza more uxorio: il beneficiario, il quale ha avuto in eredità l'immobile, non può cacciare dall'abitazione il convivente del deceduto. L'azione di spoglio per riprendere possesso dell'appartamento è legittima, perché con la lunga relazione si crea un interesse che merita tutela. La convivenza more uxorio, quale formazione sociale che dà ...
DSU ISEE per minorenne - Nucleo familiare con padre non convivente non coniugato e senza figli riconosciuti con altre donne
Ho letto che per una coppia di fatto come la mia il nucleo famigliare è quello dello stato di famiglia: mamma e bambino, perchè il papà è residente altrove e non siamo sposati. Vorrei sapere se a Torino esiste una delibera specifica per cui va considerato anche il padre per ...
Prestazione di lavoro in favore del convivente more uxorio - Può essere considerata resa a titolo gratuito solo se effettuata nell'ambito di una famiglia di fatto
Ogni attività oggettivamente configurabile come prestazione di lavoro subordinato si presume effettuata a titolo oneroso, essa può tuttavia essere ricondotta ad un rapporto diverso caratterizzato dalla gratuità della prestazione, ove risulti dimostrata la sussistenza della finalità di solidarietà in luogo di quella lucrativa. E ciò perché l'attività lavorativa e di ...
Assicurazioni » Come utilizzare la classe di merito di un convivente
Come disposto grazie alla legge Bersani, decreto Legge 7/2007, il quale ha integrato l'articolo 134 del codice delle assicurazioni, è possibile usufruire della migliore classe di merito di un qualsiasi convivente del nucleo familiare per assicurare un altro veicolo della stessa tipologia. Per intenderci: auto-auto, moto-moto. La condizione fondamentale per ...
Risarcimento del danno non patrimoniale - Ne ha diritto anche la fidanzata non convivente della vittima
Gli stretti congiunti di una persona deceduta, in conseguenza illecito perpetrato da terzi, hanno diritto al risarcimento del danno morale direttamente sofferto, inteso come intima sofferenza. Il riferimento ai "prossimi congiunti" della vittima primaria, quali soggetti danneggiati, deve essere inteso a prescindere dall'esistenza di rapporti di parentela, affinità o coniugio ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca