Movimenti bancari

Sono amministratore di una snc e con il socio abbiamo firme congiunte per movimenti bancari.

A fine anno chiuderò la snc e continuerò come ditta ex novo. poiché c'è la possibilita di accedere ad un finanziamento statale che richiede il solo vincolo di non essere protestati, volevo sapere se delle cambiali pagate dopo la scadenza dalle mani del messo comunale possano dirsi protestate.

Ne ho fatte alcune a mio nome a un fornitore che le ha portate in banca e non ha trovato problemi. Praticamente la domanda è: se la snc fosse protestata lo è anche la mia firma?

Trattandosi di società di persone, il protesto di una cambiale emessa a nome della società coinvolge anche i soci. Ma non l'amministratore della società.

Ad ogni modo, si rechi alla Camera di Commercio e faccia una visura al Registro Informatico dei Protesti a suo nome.

Nel caso risulti protestato, se la la società ha onorato le cambiali - anche se in ritardo ma entro i dodici mesi dalla levata del protesto - potrà chiedere la cancellazione definitiva dal Registro Informatico, presentando domanda al Presidente della Camera di Commercio ed allegando la quietanza di pagamento in originale.

Sulla domanda decide, con determinazione, il dirigente responsabile dell'Ufficio Protesti entro 20 giorni dal deposito dell'istanza.

L'Ufficio Protesti provvede alla cancellazione del nominativo entro 5 giorni dalla data del provvedimento dirigenziale (art. 2, n. 3 L.18 agosto 2000, n. 235)

14 settembre 2011 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Esclusiva per la concessione di credito al consumo ai clienti e inadempimento del fornitore
Nei contratti di credito collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi, l'inadempimento del ...
Credito al consumo e inadempimento del fornitore - Come si risolve il contratto di credito
Nei contratti di credito a consumo collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi, il cliente, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi ...
Credito al consumo e inadempimento del fornitore - la finanziaria deve rimborsare il consumatore
Nei finanziamenti collegati al consumo, nel caso di grave inadempimento del fornitore di beni e servizi, il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito. La risoluzione del contratto di credito comporta l'obbligo del finanziatore di rimborsare al consumatore ...
Effetti dell'inadempimento del fornitore di beni e servizi sul contratto di credito collegato - Sussistono anche se acquirente e debitore sono soggetti diversi
La concessione di un finanziamento per la fornitura di un bene o di un servizio individuati esplicitamente nel contratto di credito, attuata attraverso il pagamento diretto del fornitore da parte del creditore, dà vita ad un collegamento negoziale tra il contratto di credito e quello di fornitura, a nulla rilevando ...
Canone RAI in bolletta elettrica - Rischio incombente di doppio addebito del tributo
La legge prevede che per i titolari di utenza di fornitura di energia elettrica, il pagamento del canone avviene in dieci rate mensili, addebitate sulle fatture emesse dall'impresa elettrica aventi scadenza del pagamento successiva alla scadenza delle rate. Le rate, ai fini dell'inserimento in fattura, s'intendono scadute il primo giorno ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca