E' possibile un accordo transattivo con la banca in fase di precetto o con pignoramento dello stipendio già iniziato?

E' possibile un accordo transattivo con la banca (circa 75 mila euro sentenziati l'anno scorso) in fase di precetto o con pignoramento dello stipendio già iniziato? Il mio legale dice che, avendo fatto due proposte transattive rifiutate, dobbiamo attendere le mosse della banca tramite il loro legale, che per motivi deontologici renderà conto al collega (quindi al mio avvocato) prima degli atti esecutivi per verificare il nostro orientamento in merito.

Questo per evitare giochi al rialzo da parte della banca che tenderebbe a recuperare il massimo nei tempi minimi. Sono dipendente di una piccola azienda privata a tempo indeterminato ma non possiedo alcun bene a me intestato.

Non credo che la banca possa accettare un accordo dopo una sentenza favorevole ed una fruttuosa azione esecutiva in cordo: converrà con me che alla banca, mettere a bilancio la somma che lei offre subito, in unica soluzione, oppure 75 mila euro (più interessi legali e spese di procedura) attraverso l'incasso di rate derivanti da un pignoramento della retribuzione mensile del debitore (quasi come avviene per un mutuo), non dovrebbe fare molta differenza.

Piuttosto, l'accordo potrebbe essere interessante per l'istituto bancario qualora il debitore, ad una investigativa patrimoniale, risultasse nullatenente, cioè privo di beni efficacemente e fruttuosamente aggredibili come lo stipendio, la pensione, un pingue conto corrente o immobili.

Per il resto, concordo con la strategia adottata ed esposta dal professionista che l'assiste legalmente.

4 aprile 2018 · Simonetta Folliero

Altre discussioni simili nel forum

accordo transattivo a saldo stralcio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca