Proporre appello per rimandare pignoramento stipendio?

Ho fatto causa ad una banca, e tra poco uscirà la sentenza di primo grado che mi vedrà parzialmente vincitore -non voglio nemmeno accennare agli addebiti di spese non regolari che questi personaggi hanno posto in essere sul mio conto corrente-, ma mi obbligherà ugualmente a risanare i conti per circa 90 mila euro. Ora, premesso che dovrò comunque un giorno corrispondere l'importo, è possibile rimandare il pignoramento del mio stipendio (non ho altri beni intestati), ricorrendo all'opposizione subito dopo la sentenza di primo grado, oppure potranno prendersi la fetta del quinto ugualmente? Grazie!

la legge prevede che tutte le sentenze in primo grado siano provvisoriamente esecutive e possano dare origine alla riscossione coattiva: ciò significa che la banca, pur soccombente in primo grado, può immediatamente iniziare la procedura esecutiva sui beni del debitore per recuperare le somme riconosciutegli (anche parzialmente) dal giudice.

In pratica, la banca potrebbe dare avvio al pignoramento prima della pronuncia della sentenza di appello.

La proposizione dell'appello non è sufficiente, quindi, ad impedire il pignoramento dello stipendio. Il pignoramento dello stipendio, tuttavia, può essere bloccato temporaneamente (fino alla pronuncia del giudizio di secondo grado) con uno specifico provvedimento del giudice (chiamato “sospensiva”), in grado di congelare l'azione esecutiva del creditore.

La sospensiva viene concessa dal giudice di secondo grado, su richiesta dell'appellante, contestualmente alla proposizione dell'appello, quando ricorrano gravi e fondati motivi. In parole semplici, il giudice accorda la sospensiva solo se, dopo una prima valutazione, ritiene fondate le ragioni dell'appellante (fumus bonis iuris) oppure quando ritiene che l'esecuzione forzata potrebbe comportare conseguenze economiche gravissime e irreversibili per il debitore (non è il suo caso - la fattispecie ricorre nella circostanza di espropriazione della casa, tanto per fare un esempio).

D'altra parte, per decidere se accordare, o meno, la sospensiva, il giudice deve tener conto anche delle ragioni della parte resistente. La banca potrebbe opporsi argomentando il già quasi infinito lasso di tempo necessario per il rimborso di un debito che si aggira intorno ai 90 mila euro attraverso una rata mensile pari al quinto dello stipendio, per quanto elevatissimo possa essere quest'ultimo.

6 giugno 2014 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Stipendi pubblici e pensioni - Resta l'obbligo di accredito in conto corrente per importi superiori ai mille euro
Al fine di favorire la modernizzazione e l'efficienza degli strumenti di pagamento, riducendo i costi finanziari e amministrativi derivanti dalla gestione del denaro contante da parte della Pubblica Amministrazione, l'articolo 2 del decreto legge 138/2011, al comma 4 ter, lettera c) dispone che lo stipendio, la pensione, i compensi comunque ...
Dichiarazione IVA omessa o infedele - Quando non è punibile
La Corte costituzionale, con sentenza 80/14 ha dichiarato, l'illegittimità costituzionale della norma che, con riferimento ai fatti commessi sino al 17 settembre 2011, punisce l'omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto, dovuta in base alla relativa dichiarazione annuale, per importi non superiori, per ciascun periodo di imposta, ad Euro 103 mila. ...
Pignoramento esattoriale dello stipendio - E le pensioni?
Per quel che attiene le disposizioni sulla riscossione coattiva delle imposte sul reddito, l'articolo 72 ter del dpr 602/1973 si occupa, in particolare, di limiti di pignorabilità delle retribuzioni percepite da lavoratori dipendenti, debitori inadempienti, quando soggetti ad azione esecutiva avviata da Equitalia. La norma in commento prevede che le ...
Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la ...
REI - reddito di inclusione » Un assegno mensile fino a 485 euro per le famiglie con reddito complessivo ISEE non superiore ai seimila euro
Il Reddito d'inclusione (ReI), è uno strumento di contrasto alla povertà che sostituisce sia il Sostegno all'Inclusione Attiva (SIA) che l'Asdi (Assegno Sociale di DIsoccupazione) e gli aventi diritto potranno beneficiarne a partire dal primo gennaio 2018. La misura consiste in un assegno mensile di importo variabile dai 190 fino ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande