Procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento

Volevo chiedere gentilmente se le procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento possono essere proposte su un debito con Equitalia, ovviamente con esclusione delle tipologie di debiti non ammessi (IVA e ritenute d'acconto).

Inoltre, vorrei chiedere ancora tali procedure debbano coinvolgere la prima e unica casa - specificando che questa è adibita ad abitazione principale del debitore e della sua famiglia - oppure se questa può rimanere esclusa, visto che comunque non sarebbe soggetta a pignoramento.

Eventuali pareri sull'eventuale possibilità di trovare l'accordo con Equitalia - basati su casi concreti a parte quello degli 87 mila euro che si trova facilmente su internet - sarebbero utili.

Equitalia riscuote per conto della PA: quindi la composizione della crisi da sovraindebitamento può coinvolgere il creditore per cui Equitalia agisce.

Oltre ai debiti per IVA e quelli relativi a ritenute d'acconto effettuate e non versate, va precisato che sono esclusi dalle procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento anche i debiti riconducibili a sanzioni amministrative.

La legge sulla composizione delle crisi da sovraindebitamento è molto articolata e complessa: svolgono un ruolo fondamentale le somme in gioco, i beni posseduti dal debitore, l'obiettivo che egli si prefigge. Se il debitore è un consumatore possono essere tre le strade da percorrere.

La prima (accordo con i creditori) prevede il necessario consenso dei creditori relativi almeno al 60% dell'esposizione debitoria. E' evidente che in questa ipotesi sarà difficile pervenire ad una soluzione transattiva con la PA: se è vero che la prima casa è impignorabile è anche vero che si può iscrivere ipoteca ed impedire al debitore di alienarla senza pagare il dovuto. Il più delle volte è la rateazione l'unica chance per chi ha debiti di natura esattoriale.

L'alternativa è il piano di ristrutturazione del consumatore. In questo caso è il giudice ad approvare o meno la proposta di ristrutturazione del debito. Ma, è assai difficile che il giudice omologhi un piano che punti solo ad abbattere l'importo dovuto o a dilatare i tempi di rimborso, lasciando la casa di proprietà al debitore.

Infine c'è la possibilità di liquidazione volontaria del patrimonio: potrebbe sembrare un'opzione da scartare a priori, ma ha un vantaggio che può essere discriminante in determinate situazioni: la possibilità di ottenere l'esdebitazione. Basti pensare a quanti, in passato, hanno subito l'espropriazione di tutti i beni di proprietà, restando comunque debitori per ingenti somme.

27 maggio 2015 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

sovraindebitamento e legge per la composizione delle crisi da sovraindebitamento - esdebitazione o esdebitamento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il precetto deve far riferimento alla possibilità del debitore di intraprendere le procedure sulla composizione della crisi da sovraindebitamento
Il decreto legge 83/15 stabilisce che il precetto (evidentemente rivolto ai soggetti non fallibili) deve contenere l'avvertimento che il debitore può, con l'ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di ...
Composizione della crisi da sovraindebitamento per debiti di natura tributaria
La legge numero 3/2012, afferente le disposizioni in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento, ha introdotto una specifica normativa applicabile alle situazioni di crisi non assoggettabili alle procedure fallimentari; laddove per sovraindebitamento debba intendersi una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per ...
Legge per la composizione delle crisi da sovraindebitamento e piano del consumatore - Considerazioni su meritevolezza e merito creditizio del debitore
La scelta operata dal legislatore induce ad escludere anzitutto che la finalità della norma sia unicamente quella di offrire al debitore consumatore sovraindebitato una possibilità di soluzione della crisi mediante il sacrificio dei creditori. A differenza dell'impresa in stato di insolvenza, assumono rilevanza le ragioni della crisi e la condotta ...
Sovraindebitamento e legge 3/2012 - A chi può rivolgersi il debitore per farsi assistere nella procedura di composizione della crisi debitoria
Come sappiamo, nelle procedure per la composizione delle crisi da sovraindebitamento disciplinate dalla legge 3/2012, e cioè per la presentazione di un'ipotesi di accordo con i creditori (da parte di un professionista non fallibile), di un piano di rientro dal debito del consumatore non professionista o di una proposta di ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – se il valore dei beni pignorati non copre il debito
Se i mobili non coprono l'intero debito il pignoramento mobiliare non va a buon fine? Il creditore, tramite decreto ingiuntivo e precetto, può chiedere all'ufficiale giudiziario di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore. Non rileva che il valore dei mobili non copra l'intero debito. Il ricavato del pignoramento ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca