Presunta procedura scorretta da parte del perito incaricato di valutare l’entità del danno da sinistro stradale

Ho subito un danno alla macchina e l’assicurazione ha mandato il perito per verificare il danno: in quella occasione mi è stato fatto firmare un foglio per il riconoscimento del danno dove però l’importo della riparazione era vuoto. A detta del perito bisognava aspettare che la riparazione fosse effettuata, pur avendo contestato la cosa l’assicurazione ha insistito.

Pochi giorni dopo mi sono ritrovato il bonifico della riparazione pari al 50% della spesa. Da contratto avrei dovuto percepire un rimborso del 85% della spesa. E’ possibile rimediare? O sono stato fregato ben bene?

Innanzitutto, va considerato che la dinamica del sinistro potrebbe essere stata tale da evidenziare, inequivocabilmente, un concorso di colpa paritario da parte dei conducenti dei due veicoli coinvolti: ciò spiegherebbe l’accredito pari al 50% della spesa sostenuta per le riparazioni. In tale ipotesi, la sua compagnia di assicurazione pagherà anch’essa, all’altro conducente, il 50% della spesa sostenuta per riparare il veicolo a bordo del quale si è verificato il sinistro.

Altrimenti credo che, realisticamente, ci sia ben poco da fare per rimediare, a meno non si voglia dapprima aprire un contenzioso penale (dagli esiti incerti) con la compagnia di assicurazione obbligata a risarcire il danno, presentando querela per truffa nei confronti del perito: ma occorrono testimoni (se ve ne sono) che possano relazionare sul comportamento del perito, se non si vuole rischiare anche la beffa (controquerela).

Per togliersi lo sfizio a costo zero, tuttavia, è anche possibile presentare un reclamo all’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle ASSicurazioni) lamentando il presunto comportamento scorretto del perito incaricato, dalla compagnia di assicurazione obbligata al risarcimento, nel valutare l’entità del danno riportato dal veicolo sinistrato guidato dal conducente incolpevole.

Qui le istruzioni per presentare reclamo all’IVASS.

1 Ottobre 2020 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sinistro stradale » E' cedibile il credito da risarcimento del danno non patrimoniale
Vediamo cosa ne pensano i giudici di legittimità sulla possibilità di cedere il credito da risarcimento del danno non patrimoniale originato da sinistro stradale C'è la possibilità, per l'assicurato, di cedere anche il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, biologico e morale causato da un sinistro stradale. Questo importante principio, con un inversione di rotta, è stato stabilito dalla Corte di Cassazione, la quale, con la pronuncia 22601/13, ha sancito che: Ben può il diritto (o la ragione) di credito al risarcimento del danno non patrimoniale costituire oggetto di cessione, a titolo oneroso o gratuito, ai sensi e nei ...

Sinistro stradale - La fattura non è sufficiente a provare il danno
In tema di risarcimento del danno conseguente a sinistro stradale, la fattura per le riparazioni effettuate non costituisce, di per sé, prova del danno, tanto più se non è accompagnata da una quietanza e, soprattutto, se proviene dalla stessa parte che intende utilizzarla in qualità di cessionaria del credito. L'ammissione di responsabilità contenuta nella contestazione amichevole di sinistro, peraltro, non può costituire prova delle avvenute riparazioni. Così i giudici della Corte di cassazione hanno motivato l'ordinanza 15176/15. ...

Sinistro stradale » Il sistema tabellare di liquidazione del danno biologico di lieve entità non lede alcun diritto costituzionale
Sinistro stradale: il sistema tabellare di liquidazione del danno biologico di lieve entità non lede alcun diritto costituzionale. Il controllo di costituzionalità del meccanismo tabellare di risarcimento del danno biologico introdotto dal Codice delle assicurazioni va condotto, non già assumendo quel diritto come valore assoluto e intangibile, bensì verificando la ragionevolezza del suo bilanciamento con altri valori. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte Costituzionale con sentenza 235/14. Con la suddetta pronuncia, la Corte Costituzionale ha chiarito che le norme, le quali regolano la misura del risarcimento del danno nel caso di lesioni micropermanenti da sinistro stradale, sono legittime. Un ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Presunta procedura scorretta da parte del perito incaricato di valutare l’entità del danno da sinistro stradale