Problemi sull'antiriciclaggio

luigi11
salve,

un mese fa ho acquistato un appartamento che è costato 55000 euro, con il venditore abbiamo deciso di pagare con assegni circolari non trasferibili, il problema è questo io non ho un conto corrente in banca e non volevo perdere l'acquisto dell'appartamento (era un affare) quindi con i contanti sono andato in banca dove il venditore ha il suo contocorrente ed ho fatto in due giorni diversi alternati di cinque giorni due assegni circolari non trasferbili intestati al venditore di 10000 euro l'uno poi il cassiere e il direttore della banca ci avvertirono che potevamo rischiare la segnalazione all'agenzia dell'entrate (per la legge dell'antiriciclaggio) cosi ho interrotto subito poi ho continuato a farli da 2500 euro come ci aveva consigliato il direttore della banca e di farli in banche diverse, ne ho fatti 14 assegni da 2500 euro facendone due al giorno. ora ho un pò di PAURA di rischiare qualche multa, mi sono informato e credo di rischiare addirittura il 40% di multa. è vero?
se rischio di pagare una multa io come mi posso difendere? e poi addirittura i 40%, ho solo acquistato un appartamento (con un rogito notarile) per andare finalmente a vivere per conto mio!!! ma siamo in una dittattura!
ne ho fatti due assegni da 10000euro (questi sono multabili)?
e 14 assegni da 2500euro fatti in 7 giorni due al giorno (questi sono multabili)?
ora una persona onesta e incensurata per comprare una casa deve per forza aprire un conto in banca?
io sono giovane è innocupato i soldi li ho risparmiati facendo dei lavori ed altri regali e prestiti da parte dei miei genitori e mio nonno, rischio anche qualche reato di evasione fiscale?
come mi posso difendere?
c'è una pescrizione per queste cose?
grazie!

3 novembre 2011 at 14:29
dott. Simone Saintjust

Su dove siano finiti i soldi non c'è alcun problema a dimostrarlo. C’è il rogito e la casa.

Con le segnalazioni antiriciclaggio per prelievi continuati e superiori ai 2500 euro si cerca di capire, più che altro, da dove i soldi provengano, non dove vadano a finire.

Rischia un accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate per evasione fiscale.

Se poi parla di prestiti ricevuti dai genitori e dal nonno coinvolge anche loro, a meno che essi non possano dimostrare i prelievi effettuati nel tempo per importi congruenti.

A lei, comunque, resterà sempre da spiegare perchè ha poi deciso di far prelevare i soldi a genitori e nonno dalla banca per nasconderli nel materasso fino all'acquisto dell'immobile …

Se invece afferma che i soldi sono frutto di lavoro nero, allora la prescrizione è di sei anni dal momento in cui l'amministrazione tributaria verrà a conoscenza del suo acquisto (data del rogito notarile e pagamento delle relative imposte).

Salve,
allora i soldi sono frutto solo di risparmi miei e regali da parte della mia famiglia e amici fra compleanni cresime etc. il denaro e sempre stato conservato (no sotto un matterasso)ma all'interno di una cassaforte.

io non ho fatto prelevare niente a nessuno.

non sono il frutto di lavoro nero ma semplicemnte risparmi miei (di una persona che è stato molto attento ai propi soldi) io ho 31 anni.

ma è possibile che ci siano multe? se poteste rispondere alle mie domande,grazie.

Bene Luigi, se dovessero decidere di procedere con un accertamento fiscale per capire con quali mezzi lei si sia procurato i 55 mila euro necessari per poter acquistare l'appartamento, dovrà solo dimostrare quello che ha scritto.

E cioè, che i soldi stavano in cassaforte e che li ha messi da parte semplicemente rompendo di tanto in tanto il salvadanaio ...

Non ci sono multe, caro Luigi. Ma c'è la possibilità concreta che se non le credessero, le chiederebbero di pagare le tasse su un reddito presunto percepito, con sanzioni ed interessi moratori. In questo caso lei corre il rischio che Equitalia le ipotechi casa, la espropri e la venda all'asta. Non quello di dover pagare una multa.

La soluzione? Quando le arrivasse un avviso di accertamento (che adesso è pure immediatamente esecutivo) dell'Agenzia delle Entrate lei rivende immediatamente la casa acquistata.

La cassaforte le tornerà utilissima, in quanto non potrà depositare in banca il ricavato, dal momento che Equitalia le pignorerebbe anche il conto corrente.

4 novembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa
norme antiriciclaggio
pagamento multa
prescrizione multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il mancato rispetto del termine di dieci giorni per l'invio della comunicazione di revoca di sistema non può essere invocato dal traente del titolo risultato impagato per contestare la legittimità della segnalazione del proprio nominativo in CAI
La normativa vigente (articolo 9-bis, legge 386/1990) recante la disciplina sanzionatoria degli assegni bancari prevede che il preavviso di revoca venga inviato dalla banca entro il decimo giorno dalla presentazione al pagamento del titolo parzialmente o integralmente scoperto. La comunicazione deve essere effettuata presso il domicilio eletto dal traente (colui ...
Assegno scoperto - Il preavviso di iscrizione in CAI va notificato anche al soggetto eventualmente delegato all'emissione
Nel caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per difetto di provvista, la legge 386/1990 (articolo 9 bis) dispone che la banca comunichi al traente (il titolare del conto corrente da cui è stato emesso l'assegno) che, decorso il termine di sessanta giorni dalla data ...
Assegno sottoscritto con una sigla e non con la firma di traenza - La banca che paga lo fa a proprio rischio e pericolo
Se sugli assegni portatì in pagamento alla banca risulta apposta non già una firma di traenza, bensì una semplice sigla, la banca trattaria non può procedere al pagamento che, se effettuato, avviene a suo rischio. Infatti, nell'adempiere l'obbligazione il debitore (nella fattispecie la banca) deve adottare la diligenza richiesta con ...
Aperture di credito in conto corrente » In pratica le banche possono applicare interessi anatocistici con periodicità annuale
L'articolo 120 del Testo Unico Bancario (TUB) stabilisce che il titolare del conto corrente ha la disponibilità economica delle somme relative agli assegni circolari o bancari versati sul suo conto, rispettivamente emessi da o tratti su una banca insediata in Italia, entro i quattro giorni lavorativi successivi al versamento. Gli ...
Assegno protestato per difetto di autorizzazione - Se il carnet è stato rilasciato dopo la revoca di sistema la banca è solidalmente responsabile nei confronti del beneficiario
Se un assegno viene protestato per difetto di autorizzazione, allora vuol dire che chi lo ha emesso (il traente) è correntemente oggetto di un provvedimento di revoca di sistema che gli vieterebbe, appunto, la sottoscrizione di titoli di pagamento. Qualora il carnet, da cui è stato tratto l'assegno protestato, fosse ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca