Problemi con Carta Flex Compass – Scarsa trasparenza nella procedura di estinzione

Ormai da parecchi anni ho una Carta Flex della Compass che ho sempre trovato utile e comoda, ma sto avendo questo problema: a seguito di alcune anomalie sono venuto a conoscenza che, sia il servizio clienti 0248244412 che la filiale di Novara, mi avevano comunicato una procedura erronea per chiudere  la carta e le campagne attive. Sarebbe bastato effettuare il pagamento della somma a saldo indicata negli estratti conto mensili.

Ho scoperto che, attualmente, ho 12 campagne attive nello specifico

30/01/16 –  scadenza 15/01/2019

31/03/16 – scadenza 15/03/2019

30/04/16 –  scadenza 15/04/2019

31/10/16 –  scadenza 15/10/2019

31/12/16 – scadenza 15/12/2019

31/01/17 –  scadenza 15/01/2020

28/02/17 –  scadenza 15/02/2020

30/06/17 –   scadenza  15/06/2020

30/04/18 –  scadenza  15/04/2021

30/05/18 –  scadenza  15/05/2021

30/06/18 –  scadenza  15/06/2021

30/07/18 – scadenza  15/06/2021

Mi è stato spiegato dell’assistenza clienti che, a causa del mancato annullamento delle campagne  le stesse non sono state chiuse ed ho continuato e  continuo a pagare delle “commissioni di campagna / interessi”

Ora correggetemi se sbaglio ma ogni mese mi arriva un estratto con con:

Fido
Saldo
Disponibilità

E più sotto “campagne attive”

Ora se ad Agosto 2017 a fronte di
Fido: 4.000,00
Saldo: 3.431,35
Disponibilità: 568,65

Effettuo un bonifico di 3.400,00 ed il mese successivi mi ritrovo con un estratto conto riportante
Fido: 4.000,00
Saldo: 71,79
Disponibilità: 3.928,21

e soprattutto
Pagamenti richiesti 0,00
Importo dovuto a saldo:0,00
Importo piano rateale:0,00

POSSO DEDURRE che tutte le precedenti campagne siano chiuse? (infatti nell’estratto conto non c’è nessuna campagna)

Come è possibile che dopo 2 anni, adesso i sarebbero attive campagne del 2016 inizio 2017 ancora in corso ma che negli estratti conto attuali NON visualizzo?

Cosa posso fare?
A chi rivolgermi?

Grazie

Può segnalare la questione all’Antitrust, utilizzando questa risorsa online, previa registrazione al sito, per una valutazione circa la correttezza della pratica commerciale adottata da Compass in relazione all’annullamento delle “campagne” fantasma.

Questo, come contributo alla tutela del consumatore, in generale. Al fine di ottenere, invece, l’estinzione della Carta Flex Compass, senza incorrere negli aggravi di spesa che l’assistenza clienti ritiene dovuti per l’omesso annullamento delle presunte “campagne” che, peraltro, il cliente sembra non poter nemmeno visualizzare in estratto conto, il consiglio è di procedere con un ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF).

Per presentare il ricorso online può seguire le istruzioni riportate qui.

Condizione necessaria per presentare ricorso all’ABF è, tuttavia, l’avere inoltrato un reclamo scritto, via raccomandata AR, alla stessa Compass, lamentando, sostanzialmente, quanto ha riportato nel quesito e chiedendo l’immediata estinzione della Carta Flex senza spese ulteriori.

Decorsi 30 giorni dalla data in cui il reclamo perviene al destinatario, in caso di silenzio o di risposta non soddisfacente, potrà rivolgersi direttamente all’ABF, previo versamento di 20 euro (contributo per le spese di procedura) che le saranno restituiti in caso di accoglimento del ricorso.

Non è richiesta assistenza tecnico legale, la procedura è assai semplice e si sostanzia nel riportare all’Arbitro quanto già contestato alla controparte in sede di reclamo.

18 Marzo 2019 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Scarsa trasparenza nella telefonia mobile - Vodafone multata da Agcom
Ho letto il vostro articolo sul blog riguardo alla scarsa trasparenza e alle informazioni fuorvianti che gli operatori di telefonia mobile adottano a danno di noi consumatori: a causa di costi extra non dichiarati, infatti, è la terza volta che cambio gestore. Possibile che nessuno faccia niente? ...

Modifica causale di appostazione a sofferenza registrata nella posizione censita nella CRIF e in CR Banca D'Italia
Nel 2015 ho ottenuto un prestito da Intesa San Paolo per l'iscrizione in palestra: purtroppo però, rimasi senza lavoro e trovai notevole difficoltà nel rimborsare regolarmente il prestito. La mia posizione è finita a sofferenza a Maggio del 2019. A giugno del 2019, ho pagato il restante del mio debito (ormai però ero finito a sofferenza sia in CRIF che in Banca D'Italia). Questo mese ho richiesto la rettifica dei miei dati in CRIF (ho attivato Mettinconto365). Intesa San Paolo ha risposto (come sempre in ritardo) e ha rettificato i dati, facendo apparire in CRIF il mio debito estinto, mentre ...

Acer Parma - Scarsa trasparenza nelle spese di servizio
Io e la mia famiglia viviamo in una casa popolare gestita dall'Acer di Parma in un edificio con 12 appartamenti di nuova costruzione, quando abbiamo firmato il contratto ci era stato detto che nell'edificio esisteva una caldaia ultra tecnologica con tanto di cogeneratori con pannelli solari per il recupero e la vendita di energia. Ci siamo trasferiti li e dopo un po' scopriamo che i cogeneratori non funzionano, che la ditta costruttrice è manutentrice della caldaia e fallita è che Acer non sapeva come saltarci fuori per i conteggi, dopo 2 anni di attesa finalmente arriva l'importo da pagare cifra ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Problemi con Carta Flex Compass – Scarsa trasparenza nella procedura di estinzione