Probabile vittoria su ricorso ad autovelox Roma?

In data 19 ottobre 2011 mi viene notificato dal portalettere una raccomandata con all interno un verbale per superamento limiti di velocità con decurtamento punti avvenuto sulla C.Colmbo in Roma.

La data del infrazione è 14 luglio 2011, la data di consegna alle poste italiane il 7 settembre 2011, la data di accettazione alle poste italiane è 19 ottobre 2011, nello stesso giorno mi notificano la multa.

Sto preparando il ricorso calcolando che a partire dalla data d infrazione (14 luglio) i 90 giorni si sarebbero conclusi in sata 12 ottobre,la multa è stata notificata dopo una settimana 19 ottobre, secondo voi il ricorso è fattibile o è un buco nell'acqua?

Leggendo ho visto che i 90 gg partono dalla data dell infrazione fino a quando le poste accettano il verbale e non da quando risulta consegnata alle poste.

Nel mio caso tra la consegna e l accettazione (7 settembre-19 ottobre) quale devo considerare in fase di ricorso?

Lasci perdere: la data di notifica ai fini del computo dei 90 giorni è il 7 settembre.

Infatti, il momento di perfezionamento della notifica degli atti effettuata a mezzo del servizio postale, viene individuato:

  • per il notificante, nella data di consegna dell'atto all'agente notificatore ovvero, nell'ipotesi di notificazioni dirette, nella data della spedizione;
  • per il destinatario, nella data di ricevimento dell'atto attestata dall'avviso di ricevimento, o dopo i dieci giorni di giacenza previsti in caso di temporanea irreperibilità del destinatario.

In altre parole al fine del rispetto di un termine pendente a carico del notificante, è sufficiente che l'atto sia tempestivamente consegnato all'ufficiale giudiziario (o al messo o alle poste).

Mentre i termini per la tutela in giudizio del destinatario vengono fatti decorrere dal momento in cui è concreta la conoscibilità dell'atto a lui notificato, ovvero con il ricevimento dell'atto (o, comunque, decorsi dieci giorni dalla relativa spedizione nel caso di irreperibilità).

Lei, cioè, avrebbe tempo fino al 19 novembre, per fare ricorso. Un ricorso che, tuttavia, non può fondarsi sul difetto di notifica.

Provvederò a dettagliare meglio l'articolo che lei ha letto, in quanto convengo che è poco chiaro. Per notifica diretta deve intendersi la notifica effettuata direttamente dagli avvocati e non dalla P.A.

L'Ufficio Contravvenzione del Comune, nel caso specifico, consegna il plico al messo comunale il quale può eseguire la notifica avvalendosi del servizio postale, se c'è una convenzione in atto. Insomma, una presa per i fondelli ...

Attenzione anche alla data dell'infrazione. In effetti i 90 giorni partono da quando l'amministrazione è “posta in grado di provvedere all'identificazione” di tali soggetti considerando ciò che risulta al PRA o all'archivio nazionale dei veicoli, ovvero, normalmente, dal giorno dell'infrazione.

In casi particolari, come per esempio il cambio di residenza o il noleggio, il momento da cui partono i 90 giorni può differire dal giorno dell'infrazione.

26 ottobre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa
multa autovelox tutor e altri dispositivi automatici di rilevazione della velocità
notifica multa
ricorso multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ricorso a verbale di multa - per il Giudice di Pace il termine è di trenta giorni
Il 1° settembre 2011 il consiglio dei ministri ha approvato in maniera definitiva il decreto legislativo recante disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili, decreto che riduce a 30 (trenta) giorni il termine concesso per presentare al Giudice di Pace un ...
Multe » Il verbale è annullabile se le poste lo personalizzano
Annullabili i verbali di accertamento delle multe se alle Poste è stata delegata anche la personalizzazione della modulistica e non solo la stampa e l'imbustamento del verbale elettronico. Infatti, se attività non puramente esecutive e precedenti all'operazione di notifica vengono delegate alle Poste Italiane, occorre un'ulteriore funzione di personalizzazione della ...
Multa per divieto di sosta - il verbale è valido anche senza indicazione del numero civico
L'indicazione del numero civico nel verbale di multa è importante ma non essenziale per la validità dell'accertamento. La multa per divieto di sosta è valida anche quando il vigile omette di indicare nel verbale di preavviso il numero civico dell'accertamento effettuato. Così si è pronunciata la Corte di cassazione, Sez. ...
Multa stradale - elementi essenziali per il ricorso
In questo breve articolo l'avvocato Antonella Pedone ci indica in forma sintetica, ma rigorosa, quando possono sussistere le condizioni più frequenti per impugnare un verbale di multa, i termini da rispettare e le procedure da seguire per poter presentare un eventuale ricorso alla multa, differenziate nel caso in cui il ...
Servizi postali e Iva » Tar respinge ricorso di Poste Italiane dopo sentenza Agcm
Servizi postali: l'Antitrust (Agcm), nel 2013, a proposito dell'esenzione dell'Iva da parte di Poste Italiane, aveva sancito che la società aveva abusato della propria posizione dominante, dando un ultimatum, alla stessa, di 180 giorni, entro i quali avrebbe dovuto applicare l'imposta nei servizi postali negoziati individualmente per non discriminare i ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca