Probabile pignoramento su un immobile cointestato

Con un imminente pignoramento o iscrizione ipoteca (da una finanziaria) su un immobile cointestato al 50% con mia sorella, c’è preoccupazione da parte sua per la sua quota.

Il quesito posto è se possibile la divisione prima del provvedimento o se questo potrebbe essere interpretato come un tentativo di elusione. Premesso che, comunque, le quote dei beni dovranno essere di pari valore, definito da un tecnico. Che procedura si può attivare o attendere il provvedimento e poi attivarsi?

Se il creditore si limita ad iscrivere ipoteca sul bene immobile cointestato, il danno risulta essere limitato: infatti, l’ipoteca iscritta sul bene che il debitore possiede in comproprietà con un soggetto non debitore, produce effetto rispetto, esclusivamente, a quella porzione di beni che al debitore verranno assegnati nella divisione (articolo 2825 del codice civile). Insomma, in una futura vendita dell’immobile gravato da ipoteca, ciascuno dei due cointestatari potrà fruire del 50% del ricavato, ma solo il cointestatario debitore dovrà corrispondere l’importo garantito dall’ipoteca fino a capienza del 50% del ricavato dalla vendita.

Diverso il discorso se il creditore procede ad espropriazione immobiliare: visto che è realisticamente impossibile vendere all’asta il 50% di un immobile, il giudice valuterà la possibilità di dividere fisicamente l’immobile oggetto di esecuzione immobiliare in due parti di pari valore. Se la divisione risultasse tecnicamente impossibile oppure i cointestatari (in particolar modo il debitore) non avessero intenzione di sostenere le spese per la divisione, allora il giudice propenderà per l’espropriazione e la vendita all’asta dell’intero.

Eventualmente il cointestatario non debitore potrà poi citare in giudizio il cointestatario debitore per il risarcimento del danno patito (la differenza fra la metà del valore commerciale dell’immobile e la metà dell’importo ricavato dalla vendita all’asta).

Pertanto, prima dell’imminente pignoramento dell’immobile, conviene procedere a dividere fisicamente l’immobile cointestato in due immobili autonomi di proprietà esclusiva di pari valore ed estensione.

Oppure, sua sorella potrebbe acquistare la quota (a prezzo di mercato) di proprietà del debitore assicurandosi che l’importo pagato vada a beneficio del creditore. Se così non fosse, il creditore potrebbe chiedere, ed ottenere, la revocazione dell’atto dispositivo del debitore (la vendita del 50% dell’immobile) e si tornerebbe punto e a capo.

Se gli immobili sono più di uno, valgono le medesime regole: probabilmente la divisione fra i due cointestatari potrà risultare più agevole.

20 Ottobre 2019 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Espropriazione casa e probabile pignoramento dello stipendio per rimborsare il credito non coperto dalla vendita dell'immobile
Nell'anno 2008 ho acquistato un appartamento sottoscrivendo un mutuo per trent'anni con la BNL, per un capitale di 140 mila euro: poi nell'anno 2010, incautamente ho garantito un mutuo per una società in accomandita semplice la quale non ha ottemperato ai suoi impegni e pertanto la Unipol, banca titolare del credito, mi ha chiesto di corrispondere la somma di 35 mila euro a risarcimento della garanzia da me sottoscritta. Di tale richiesta sono venuto a conoscenza solo a ottobre 2018, quando oramai era diventato un decreto ingiuntivo del tribunale per il pignoramento dell'abitazione. Da quel momento, ho contattato la Unipol ...

Pignoramento di beni indivisi su cui grava diritto di usufrutto - Quale la procedura?
A proposito della precedente risposta quindi, se ho ben capito, la banca potrebbe pignorare l'intero immobile e metterlo in vendita,sempre se non ci sia accordo tra i proprietari e la banca creditrice. E se, per ipotesi venisse venduta per 100.000 euro, la banca potrebbe trattenere solo 1/6 di tale somma, e comunque l'eventuale acquirente non potrebbe venirne in possesso finché ha diritto di usufrutto mio padre. In questo modo però la banca avrebbe solo un importo di circa 16.600 euro: E' corretto? ...

Pignoramento casa in seguito a sentenza di risarcimento danni per lesioni a terzi imputabili ad uno dei due coniugi - Oggi separati ma in comunione dei beni all'epoca del fatto illecito
Mia sorella separata, si è vista recapitare il pignoramento della casa: in pratica quando era sposata e in comunione dei beni il marito commise un reato di lesioni contro terzi ed è stato condannato al risarcimento del danno. Adesso lui non ha ancora ottemperato al pagamento e a mia sorella è arrivata la raccomandata di pignoramento in quanto la casa è di comproprietà. 1) Ma trattandosi di una condanna per fatto illecito, (lesioni personali da lui commesse) mia sorella è tenuta a pagare solidalmente per questo risarcimento da reato? Che c'entra qui l'allora comunione dei beni? 2) Inoltre, siccome la ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Probabile pignoramento su un immobile cointestato