Previdenza - Quali sono gli importi minimi della pensione (di vecchiaia) e dell'assegno sociale?

Sono una donna nata nel 1953: percepisco una pensione di reversibilità e sono una lavoratrice dipendente dal febbraio del 2003.

Sono stata ad un patronato quest'estate e secondo il calcolo dovrei andare in pensione il 1 Marzo del 2024.

Questa mattina però andando all'Inps e chiedendo l'estratto previdenziale noto che sotto la tabella del calcolo previdenziale pre e post 2011 una scritta in neretto con scritto: "Settimane di Anzianità contributive per la misura della pensione 648 - Importo pensione 333,7725.

Visto che le mie forze se ne stanno andando per il lavoro che faccio e visto che godo della reversibilità di mio marito volevo sapere se smettessi prima del 2024, (ad esempio a 65 anni di età o a 15 anni di lavoro) avrei titolo di percepire una piccola parte di pensione?

Che cosa si intende nella voce "importo pensione" 333,7725? che se smettessi avrei titolo per percepire questa somma?

In riferimento alla posizione lavorativa qui esposta, possiamo dire che per poter fruire della pensione bisogna aver maturato un'anzianità contributiva minima pari a 20 anni. La prestazione viene differita rispetto al momento in cui risultano essere stati maturati i requisiti contributivi, ed è per questo motivo che il patronato, disponendo evidentemente di informazioni più dettagliate sulle sua storia lavorativa, fissa al marzo del 2024 (e non nel 2023 dopo vent'anni di contributi versati) la data in cui potrà fruire della pensione.

L'importo pensione di 333 euro è semplicemente una simulazione della pensione a cui lei avrebbe oggi diritto se avesse maturato i venti anni di contributi, effettuata sulla base degli importi già versati e di una stima di quelli ancora da versare.

La pensione spettante non può, comunque, essere inferiore ad un importo minimo, che viene determinato con riferimento al valore dell'assegno sociale (nel 2017 pari a 448 euro). In pratica, ed è questa la buona notizia, se lei avesse, ad oggi, maturato i venti anni di anzianità contributiva e possedesse, ad oggi, anche i requisiti anagrafici (65 anni e sette mesi) percepirebbe una pensione di 448 euro/mese (per tredici mensilità) e non di 333 e rotti euro.

Qualora smettesse di lavorare prima del 2024, avrebbe diritto all'assegno sociale di 448 euro al mese, appena maturati i requisiti anagrafici (65 anni e 7 mesi per il 2017, 66 anni e 7 mesi per il 2018, 67 anni a partire dal primo gennaio 2019).

Tuttavia, bisogna tener conto che per aver diritto all'assegno sociale il beneficiario non deve percepire altri redditi: e lei, invece, gode di una pensione di reversibilità.

Concludendo, ed è questa la cattiva notizia: lei non può, ad esempio, pensare di lasciare il lavoro nel 2020 (quando avrà compiuto i 67 anni utili per poter fruire dell'assegno sociale), qualora la voce importo della pensione risultasse a quella data ancora inferiore (come è probabile) alla misura fissata per l'assegno sociale, sulla base della considerazione che comunque, più di un importo pari all'assegno sociale lei non potrebbe percepire una volta maturati, nel 2024, i requisiti per poter fruire delle pensione. Così agendo le resterebbe, come reddito mensile, la sola pensione di reversibilità.

12 aprile 2017 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pensione anzianità e di vecchiaia
pensione sociale o assegno sociale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Reversibilità della pensione di invalidità al figlio maggiorenne - Solo se riconosciuto inabile al lavoro
In caso di morte del titolare di pensione di invalidità, la pensione di reversibilità spetta al coniuge e ai figli minorenni, mentre ai figli superstiti maggiorenni spetta soltanto se essi siano riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di quest'ultimo. L'inabilità al lavoro rappresenta, ...
Pensione ordinaria di invalidità e pensione di invalidità civile - Differenze
La pensione ordinaria di inabilità, prevista dell'articolo 2 della legge 222/1984, costituisce una prestazione di natura previdenziale, è collegata alla esistenza di un rapporto previdenziale, presuppone lo svolgimento di una pregressa attività lavorativa, ha come punto di riferimento la capacità lavorativa specifica dell'assicurato, è correlata alla impossibilità dello svolgimento in ...
La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di ...
Anticipare la pensione - APE volontaria e APE sociale » di cosa si tratta
L'Ape volontaria (Anticipo pensionistico volontario), è un prestito agevolato erogato da una banca, commisurato alla pensione di vecchiaia. Si tratta di un nuovo strumento di flessibilità: un reddito ponte che permette ai lavoratori con più di 63 anni di anticipare la disponibilità di una parte della futura pensione, attraverso un ...
Limiti alla cessione del montante e delle prestazioni relative ad un fondo previdenza complementare
In materia di previdenza complementare vi è da considerare quanto disposto dall'articolo 11, comma 10, del decreto legislativo numero 252/2005, il quale stabilisce dei limiti alla cedibilità della prestazione previdenziale erogata al termine della fase di accumulo. Le regole fissate dalla predetta norma possono essere così sintetizzate: le prestazioni pensionistiche ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca