Prelievi illegittimi da parte dell’INPS – Possono darmi meno del minimo vitale?

Il mio assistito ha una pensione minima di euro 628,23: l’INPS gli ha illegalmente trattenuto euro 71,81 come trattenuta obbligatoria per un prestito, ed euro 61,71 sono stati trattenuti come accantonamenti somme. Il residuo pensione è di € 501,89. In base alla nuova legge non avrebbe dovuto precedere. Come ricorrere?

Il rateo da pensione, per valutare la corretta applicazione dell’articolo 545 del codice di procedura civile, ed in particolare della normativa inerente il cosiddetto minimo vitale MV (misura massima mensile dell’assegno sociale, aumentato della metà), deve essere considerato quello al netto degli oneri fiscali e al lordo della cessione volontaria del quinto (indicata nel quesito come prestito).

In pratica, l’importo P da prendere in considerazione, per eccepire la violazione di quanto disposto dalla legge in merito al minimo vitale, è, nel caso specifico, la somma accreditata in banca dall’INPS a cui va aggiunto l’importo della rata di rimborso della cessione del quinto della pensione.

Infatti, si può invocare l’articolo 545 del codice di procedura civile, e quindi eccepire l’eventuale erogazione di un rateo pensionistico in violazione dell’obbligo di rispettare la normativa vigente riguardo il minimo vitale, solo in caso di pignoramento della pensione. E’ evidente che non potrà mai verificarsi (escluso il caso di premorienza) il mancato rimborso della cessione del quinto, dal momento che l’INPS è tenuta, in quanto terzo obbligato, ad effettuare quel prelievo per conto del creditore cessionario. Per l’INPS, invece, l’alternativa (teorica) ad un prelievo forzoso stragiudiziale alla fonte per il recupero di un eventuale indebito pensionistico (accantonamenti somme non meglio specificati) potrebbe essere solo l’azione esecutiva esattoriale e, in tale ipotesi, l’istituto di previdenza sarebbe soggetto a quanto disposto dal codice di procedura civile.

Pertanto, se l’importo P (come sopra calcolato) diminuito del minimo vitale MV è negativo, oppure se il 20% della differenza fra P ed il minimo vitale MV è minore di quanto prelevato stragiudizialmente alla fonte dall’INPS, la prima cosa da fare è procedere con ricorso amministrativo presso l’INPS e successivamente, in caso di persistenza del prelievo, adire il giudice del lavoro.

7 Dicembre 2017 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento pensione Enasarco da parte di Equitalia - Vale sempre l'impignorabilità del minimo vitale?
Ho ricevuto un atto di pignoramento prezzo terzi da parte di Equitalia nei confronti di Enasarco che mi eroga la mia (povera) pensione di 38€ mensili. Sul provvedimento c'è scritto che in caso di pensione sotto i 2.500 €, il massimo pignorabile è un decimo. Questa pensione viene accreditata ogni due mesi tramite bonifico bancario. La mia domanda è: si applica anche ai pignoramenti eseguiti da Equitalia con la riscossione esattoriale i limiti previsti dall'art. 545 commi 6 e 7 (quindi l'impignorabilità fino all'assegno sociale aumentato della metà)? Che consigli avete in questo caso specifico? Devo contattare Enasarco? O Enasarco ...

Il decreto legge che introduce l'impignorabilità del minimo vitale per la pensione è retroattivo?
Mio padre percepisce una pensione netta di circa 2000 EUR dalla quale viene pignorato dal 2014 esattamente 1/5 da una banca. Mia madre percepisce un pignoramento di 1/5 sul suo stipendio di 1300 euro dal 2014. La mia questione e´semplice, il nuovo ultimo comma del 545 c.p.c prevede "Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal terzo, quarto ...

Pignoramento della pensione che eccede il minimo vitale
Percepisco una pensione netta di euro 1500 e di cui pago un prestito quinto di euro 230 e quindi rimangono circa 1250 euro . Tra qualche mese subirò un pignoramento della pensione per un prestito personale che non ho potuto onorare per motivi vari. Considerando il minimo vitale per legge e quantificando il restante pignorabile gravato da importo come quinto, quale somma potranno pignorare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prelievi illegittimi da parte dell’INPS – Possono darmi meno del minimo vitale?