Prestito tra coniugi che estingue altri prestiti preesistenti

Mio marito ha contratto, a mia insaputa e senza che ci fosse una reale necessità, ben 2 prestiti: una cessione del quinto dello stipendio con una finanziaria e una delegazione di pagamento con una banca.E' indebitato per i prossimi 10 anni e percepisce uno stipendio notevolmente ridotto a causa di rate molto pesanti.

Siamo sposati da tempo, ma fortunatamente con regime di separazione dei beni. Io dispongo di una maggiore solidità economica e, pertanto, mi sono sempre fatta carico di tutte le spese importanti della casa, della famiglia e dei figli.
Negli anni mi sono Lui ha seri problemi di gestione del denaro: non sa risparmiare, spende sempre più del dovuto (non rendendosi conto di come ha speso il denaro), inoltre si fa convincere facilmente da estranei a sottoscrivere polizze o ad acquistare beni superflui.

Tutto ciò sta mettendo gravemente in crisi il nostro matrimonio. Non riesco ad accettare il fatto che lui abbia richiesto dei prestiti senza motivo e soprattutto che mi abbia tenuta all'oscuro di tutto (la scoperta è avvenuta per caso quando mi è capitata tra le mani la sua busta paga).

Nel tentativo di salvare la nostra famiglia, avrei intenzione, attingendo al patrimonio di mia esclusiva proprietà, di estinguere anticipatamente i prestiti da lui sottoscritti, cercando così di recuperare una parte degli interessi. Ho timore, però, che lui, ritrovandosi con uno stipendio finalmente di nuovo integro, possa continuare a dilapidare i suoi soldi.

Mi è venuto in mente, quindi, di stipulare una sorta di contratto di prestito infruttifero tra coniugi, obbligandolo però alla restituzione della cifra con rate mensili, che andrebbero via via accantonate in una carta prepagata destinata alle spese della famiglia e dei figli in particolare.

In tal modo lui verserebbe comunque delle rate mensili, ma invece di pagare la finanziaria e la banca, coprirebbe parte delle spese della famiglia. Non so se è una buona idea e soprattutto se lui manterrà l'impegno di versare le rate alla famiglia. Sono consapevole che ciò non mi garantisce che lui non contragga nuovamente altri debiti. Desidero un vostro parere in proposito!

Avendo maturato qualche esperienza, come operatrice sul campo, in situazioni molto simili a quella da lei riportata, sono convinta che la soluzione migliore sia quella di far finta di nulla ed evitare di liberare risorse finanziarie nello stipendio percepito dal coniuge che questi, chiaro esempio di debitore compulsivo, dilapiderebbe in men che non si dica. Suo marito non si porrebbe mai il problema di rimborsare le rate al proprio coniuge per un prestito d'onore, se così vogliamo chiamarlo.

Tenendo conto che attualmente i tassi di interesse si mantengono comunque non elevati e della circostanza tecnica che, in regime di separazione dei beni, i prestiti eventualmente non rimborsati dal coniuge debitore non potrebbero essere pretesi dal coniuge non debitore, non essendo stati, evidentemente, impiegati per soddisfare esigenze familiari, il mio parere è quello di lasciare suo marito a cuocere a fuoco lento nel brodo dei debiti acquisiti.

12 settembre 2016 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prestiti tra privati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prestiti per dipendenti » Viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale
Oggi vogliamo parlare dei prestiti per dipendenti: affrontiamo, dunque, un piccolo viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale. I prestiti per dipendenti sono una tipologia di prestiti personali che vengono destinati ai lavoratori dipendenti pubblici e statali e privati. I prestiti per dipendenti sono finanziamenti non finalizzati: ...
Prestiti personali per casalinghe » Il vademecum
I prestiti personali per le casalinghe: scopriamo come si ottengono gli aiuti finanziari per le donne di casa. Era impensabile, fino a qualche tempo, fa che si potessero erogare finanziamenti a chi non aveva nessuna garanzia da offrire, come le donne che lavorano in casa senza remunerazione alcuna. Oggi, invece, ...
Contratti di prestito – credito su pegno e cessione del quinto
Nell'articolo affronteremo l'analisi di due caratteristici contratti di prestito: il credito su pegno e la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, entrambi appartenenti alla categoria dei contratti di credito al consumo non rivolti all'acquisto di specifici beni o servizi. La cessione del quinto è una forma di credito ...
Costituzione del fondo patrimoniale revocabile in caso di fallimento di uno dei coniugi
L'esigenza dei coniugi di contribuire ai bisogni della famiglia non comporta affatto per essi l'obbligo di costituire i propri beni in fondo patrimoniale, che ha essenza e finalità diverse ed ulteriori, consistenti nel vincolare alcuni beni, sottraendoli alla garanzia generica di tutti i creditori. Pertanto, in caso di fallimento di ...
Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca