Prestito personale tramite scrittura privata

Nel 2002 mi sono fatto prestare da mio cugino 4 mila euro in contanti, firmando una carta con scritto: con la presente io, xxx, dichiaro l'impegno a restituire la somma di euro 4 mila ricevuta in data 2/4/2002 dal signor yyy, e le firme di entrambi (non è stato specificato null'altro, nemmeno la data di rimborso).

Questo mese mio cugino mi ha detto che se non gli restituivo i soldi andava per vie legali.

Attualmente purtroppo mi trovo in una situazione in cui non riesco nemmeno a pagare le cose essenziali per mantenere la mia famiglia (percepisco la disoccupazione e non so nemmeno come farò ad andare avanti una volta che non mi spetterà più (fra 8 mesi)).

Vorrei capire cosa mi potrebbe fare mio cugino dal punto di vista legale. Può pignorarmi i mobili o la disoccupazione?

Se suo cugino non le ha mai inviato, dal 2004 in poi, comunicazioni scritte con raccomandata AR in cui chiedeva la restituzione dei 4 mila euro, il credito, purtroppo per lui, è prescritto.

20 giugno 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

indennità di disoccupazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando una scrittura privata non autenticata ha data certa
Qualora la scrittura privata non autenticata formi un corpo unico col foglio sul quale è impresso il timbro postale, la data risultante da quest'ultimo è data certa della scrittura, perché la timbratura eseguita in un pubblico ufficio equivale ad attestazione autentica che il documento è stato inviato nel medesimo giorno ...
Il contratto di mutuo – Scrittura privata ed atto pubblico
L'atto di concessione del mutuo può assumere la forma di scrittura privata quando viene sottoscritto contemporaneamente dalle parti; quando, invece, la firma del contratto avviene in presenza di un notaio si parla di atto pubblico. In questo secondo caso le spese notarili, calcolate in base al valore della pratica, incidono ...
Dichiarazione IVA omessa o infedele - Quando non è punibile
La Corte costituzionale, con sentenza 80/14 ha dichiarato, l'illegittimità costituzionale della norma che, con riferimento ai fatti commessi sino al 17 settembre 2011, punisce l'omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto, dovuta in base alla relativa dichiarazione annuale, per importi non superiori, per ciascun periodo di imposta, ad Euro 103 mila. ...
Pignoramento indennità di disoccupazione
L'indennità di disoccupazione ha natura previdenziale: l'articolo 38 comma 2 della Costituzione dispone, infatti, che i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Ed infatti, con la sentenza 85/2015 la Corte costituzionale ...
Atto trasmesso tramite servizio di posta privata - La notifica è nulla ed in ogni caso si perfeziona con la data di consegna del plico al destinatario
Il decreto legislativo 261/1999 (articoli 1 e 4) esclude che i servizi inerenti le notifiche postali di verbali di infrazione al Codice della strada, di cartelle esattoriali e, in genere, di atti giudiziari e sanzioni amministrative, possano essere affidati a soggetti diversi da Poste Italiane. Qualora l'atto venga trasmesso al ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca