Prestito non rimborsato con Plusvalore - Pignoramento del conto corrente e/o dello stipendio

A giugno 2017 mi è arrivata una diffida da parte di un avvocato della Plusvalore che mi intimava di pagare 33000 euro entro 7 giorni. Cifra che non avevo. A dicembre di quest'anno ho ricevuto un'altra ingiunzione di pagamento di 37 mila euro. Avendo io uno stipendio in che percentuale posso aspettarmi un pignoramento se fatto direttamente al datore di lavoro oppure in banca? Possiedo un'auto di circa 2 anni cointestata con mia moglie. Se mi verrà pignorata e venduta all'asta terranno tutto il ricavato?

Il creditore non perderà tempo, e altro denaro, per pignorare un veicolo usato in comproprietà: la sua azione giudiziale si concentrerà, piuttosto, sul pignoramento del conto corrente e/o dello stipendio.

Il pignoramento del conto corrente comporterà il prelievo del saldo disponibile alla data della notifica dell'atto alla banca. Il pignoramento dello stipendio, nel caso in cui il pignoramento del conto corrente non dovesse condurre alla soddisfazione del credito, si tradurrà nel prelievo del 20% dello stipendio netto.

Prima di un eventuale pignoramento, il creditore dovrà notificarle un atto di precetto.

29 dicembre 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...
Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...
Conto corrente e obbligo di accredito dello stipendio » E' incostituzionale?
A causa dell'articolo 12 del decreto Salva Italia, è previsto l'obbligo di aprire un conto corrente per accreditare lo stipendio e pensione. E' incostituzionale questa norma? Discutiamo, su questo tema, nel prosieguo dell'articolo. L'idea del governo dei tecnici era quella di poter tracciare tutti i movimenti di denaro e dare ...
Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca