Prestito non rimborsato con Plusvalore - Pignoramento del conto corrente e/o dello stipendio

A giugno 2017 mi è arrivata una diffida da parte di un avvocato della Plusvalore che mi intimava di pagare 33000 euro entro 7 giorni. Cifra che non avevo. A dicembre di quest'anno ho ricevuto un'altra ingiunzione di pagamento di 37 mila euro. Avendo io uno stipendio in che percentuale posso aspettarmi un pignoramento se fatto direttamente al datore di lavoro oppure in banca? Possiedo un'auto di circa 2 anni cointestata con mia moglie. Se mi verrà pignorata e venduta all'asta terranno tutto il ricavato?

Il creditore non perderà tempo, e altro denaro, per pignorare un veicolo usato in comproprietà: la sua azione giudiziale si concentrerà, piuttosto, sul pignoramento del conto corrente e/o dello stipendio.

Il pignoramento del conto corrente comporterà il prelievo del saldo disponibile alla data della notifica dell'atto alla banca. Il pignoramento dello stipendio, nel caso in cui il pignoramento del conto corrente non dovesse condurre alla soddisfazione del credito, si tradurrà nel prelievo del 20% dello stipendio netto.

Prima di un eventuale pignoramento, il creditore dovrà notificarle un atto di precetto.

29 dicembre 2017 · Annapaola Ferri

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca