Prestito con restituzione posticipata - Possibile?

Sono docente con contratto a tempo indeterminato con 25 anni di anzianità: fra due anni farò un anno di aspettativa non retribuita e vorrei frequentare una scuola di alta formazione. E' possibile chiedere un prestito e sospendere le rate per un anno? Avendo anche eventualmente un garante?

Con un garante in possesso di almeno un immobile privo di ipoteca o di una buona retribuzione come lavoratore dipendente non dovrebbe avere difficoltà ad ottenere un prestito: tuttavia, resterebbe il problema di posticipare la rate di rimborso alla fine del periodo di aspettativa senza retribuzione.

Può invece chiedere un prestito dietro cessione del quinto (che, peraltro, non ha bisogno dell'intervento di un garante): Il DPR 180/1950 all'articolo 35 (Riduzioni di stipendi o di salari gravati da cessione) prevede che, qualora lo stipendio o salario gravato di cessione subisca una riduzione non superiore al terzo, la trattenuta continua ad essere effettuata nella misura stabilita. Ove la riduzione sia superiore al terzo, la trattenuta non può eccedere il quinto dello stipendio o salario. In tal caso la differenza con i relativi interessi è recuperata mediante corrispondente prolungamento della ritenuta mensile.

Il quinto di una retribuzione pari a zero, sarà, naturalmente zero, il che le consentirà, in pratica, di ottenere, nel periodo di aspettativa, la sospensione del pagamento delle rate.

Tuttavia, allo scopo di evitare malintesi e sempre possibili contenziosi durante il periodo di aspettativa, è comunque opportuno comunicare preventivamente alla finanziaria, che lei sceglierà per l'erogazione del prestito dietro cessione del quinto, l'esigenza di dover fruire di una anno di aspettativa a breve termine, con la conseguente sospensione "forzata" dei prelievi dalla busta paga operati dal MEF.

Infine, c'è da segnalare che la legge 297/1982, che disciplina il trattamento di fine rapporto (TFR), prevede espressamente, per il lavoratore, l'anticipo di una quota del TFR maturato per il conseguimento dei titoli di studio, per la partecipazione ad attività formative extra - aziendali oppure per la cosiddetta formazione continua.

9 gennaio 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

anticipo tfr
cessione del quinto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Istruzione - Diritto dovere all'istruzione e alla formazione
In Italia esiste il diritto dovere all'istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell'obbligo è strutturata in due cicli di studio: il primo è costituito dalla scuola primaria, e dalla scuola secondaria di primo ...
Gli scatti di anzianità assegnati al lavoratore devono tener conto di un eventuale periodo di formazione
Se è vero che gli scatti di anzianità costituiscono un istituto giuridico di fonte esclusivamente contrattuale, l'equiparazione posta dalla legge tra periodo di formazione e quello di lavoro ordinario vieta alla contrattazione collettiva di introdurre un trattamento discriminatorio in danno dei lavoratori che abbiano avuto un pregresso periodo di formazione. ...
Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...
Contratti di prestito - il prestito senza busta paga
Come tutti ben sappiamo al momento di richiedere un prestito l'istituto di credito a cui ci si rivolge richiede, oltre ai documenti d'identità, anche delle garanzie reddituali ben precise. In particolare, per ottenere un prestito, occorre presentare le ultime buste paga, per i lavoratori dipendenti sia pubblici che privati, il ...
Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca