Quali sono i termini di prescrizione e decadenza di un tributo locale come è la Tariffa di Igiene Ambietale o TIA?

I primi di Febbraio 2017, mi è arrivata una ingiunzione di pagamento relativa a TIA 2010 per una casa di mia proprietà dove ho la residenza a partire da febbraio 2011.

Rilevo un'anomalia per quel che riguarda la data di spedizione, che nella cartolina di ritorno per il mittente, e nella raccomandata CAD, risulta il 31 Dicembre 2016 scritto a macchina, mentre manca il timbro di accettazione postale.

Inoltre, sul sito DoveQuando di poste Italiane, la raccomandata risulta in spedizione il 10 Gennaio 2017.

Premesso che a mio parere la TIA 2010 si è già precritta il 1° Gennaio 2016. Ma se così non fosse, è possibile eccepire l'anomalia della data di spedizione, a mio vedere non effettiva, e quindi la prescrizione al 1° Gennaio 2017?

Ritiene possibile produrre in giudizio la stampa della pagina di Poste.IT

Per quel che attiene decadenza e prescrizione di TARI, TARES, TARSU e TIA ricordiamo che, a norma di legge, gli enti locali devono notificare al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.

Pertanto, se il versamento della TIA 2010 avrebbe dovuto essere effettuato nel 2011, l'avviso doveva essere consegnato a Poste Italiane, per la spedizione, entro il 31 dicembre 2016.

In un eventuale contenzioso giudiziale non può assumere alcuna valenza probatoria la stampa di una schermata del sito DoveQuando, mentre fa fede, fino a querela di falso, la data di presa in carico della missiva da parte di Poste Italiane, la quale risulterà sicuramente anteriore alla data di spedizione (31 dicembre 2016) riportata sui documenti da lei citati (raccomandata CAD e avviso di ricevimento).

13 febbraio 2017 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione e decadenza di imposte e tasse
prescrizione tributi locali
TARSU TARI TIA - prescrizione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bonus mamma » Scopriamo quali sono i requisiti per ottenere il premio di 800 euro
Bonus mamma finalmente al via: vi spieghiamo come è possibile ottenere il premio di 800 euro. Nel comma 353, articolo 1 della legge di bilancio per il 2017 è previsto che a decorrere dal 1 gennaio 2017 è riconosciuto un premio alla nascita o all'adozione di minore dell'importo di 800 ...
Per interrompere la prescrizione basta una raccomandata semplice - Non serve l'avviso di ricevimento
Una lettera raccomandata semplice, anche in mancanza di avviso di ricevimento, può costituire prova certa della spedizione di una comunicazione interruttiva dei termini di prescrizione da parte del creditore. E' sufficiente produrre la relativa ricevuta. Dalla ricevuta consegue la presunzione di consegna al debitore e di conoscenza dell'atto: vanno considerate, ...
La notifica indiretta per compiuta giacenza degli atti inviati al destinatario via posta
Com'è noto, in materia civile, tributaria, amministrativa e penale, l'ufficiale giudiziario può avvalersi del servizio postale per la notifica degli atti: si parla, allora, di notifica indiretta via posta (articolo 8 legge 890/1982). In questo caso, il termine per il perfezionamento della notifica dell'atto impositivo quando non sia stata possibile ...
Prescrizione per la parcella di un avvocato - Decorrenza, comunicazione interruttiva dei termini ed implicazioni dell'eccezione di prescrizione
Costituisce atto idoneo ad interrompere la prescrizione l'inoltro della richiesta di adempimento per lettera raccomandata, la cui spedizione è provata dalla relativa ricevuta e i cui particolari doveri di consegna a carico del servizio postale ne fanno presumere l'arrivo al debitore, pur in assenza della ricevuta di ritorno. Solo a ...
La rottamazione bis delle cartelle esattoriali » Nuova chance per i debitori non ammessi al beneficio o decaduti dalla possibilità offerta con la prima rottamazione del 2016 - Si possono adesso rottamare anche i debiti in riscossione coattiva affidati al concessionario dal 1 gennaio al 30 settembre 2017
Nuova chance per il debitore non ammesso al beneficio della prima rottamazione del 2016 per non aver pagato, nei termini, le rate di piani di dilazione in scadenza al 24 ottobre 2016 Relativamente ai soli carichi compresi in piani di dilazione in corso alla data del 24 ottobre 2016, per ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca