Fideiussione a favore di creditore rimasto insoddisfatto da escussione coattiva del debitore principale

Nel 2001 io (A) ho concesso fideiussione al fratello (B) per mutuo trentennale prima casa erogato dalla Banca (C) con ipoteca 1° grado su immobile di B: B ha pagato per 11 anni poi ha cessato per problemi economici.

C ha posto a sofferenza B con Raccomandata AR del 09/05/2013. C ha Comunicato con Raccomandata AR ad A e B il 13/05/2013 intimazione al saldo residuo mutuo (in difetto C si riterrà libera di agire giudizialmente per il recupero credito; non viene specificata messa in mora ecc.).

C si è insinuata in Pignoramento casa di B promosso da ex moglie (ipoteca 3° grado) in causa divorzio da B. Da pignoramento solo C ha ottenuto € 135.000 , dei 198.000 esigibili, da vendita.

Ad oggi decorsi poco più di CINQUE ANNI dal 13/05/2013 può C chiedermi somme residue del debito stante la mia fideiussione (nonostante C sia stata abbondantemente ristorata anche se non del tutto)?

Cosa rischio io (A) a comprare prima casa con diritto di abitazione e nuda proprietà moglie?

Lei (fideiussore) è obbligato nei confronti della banca che a suo tempo erogò il mutuo, solidalmente e illimitatamente con suo fratello (debitore principale), per un importo di 63 mila euro più gli interessi legali che nel frattempo matureranno e le spese per la procedura di escussione coattiva che la banca dovesse avviare nei suoi confronti.

Per quanto riguarda i rischi che lei corre, acquistando un nuovo immobile, visto che non accenna al regime familiare vigente con il coniuge, e neppure ritiene di riferire chi acquista e con i soldi presi dal conto corrente di chi, dimostra di non sapere che se l’acquirente concede il diritto di abitazione gli resta l’intera proprietà costituita da mura più usufrutto (diritto di abitazione e usufrutto non sono la stessa cosa), si può solo dire sinteticamente che rischia di finire nello stesso pasticcio architettato anni fa con il pignoramento avviato da sua cognata titolare di una misera ipoteca di terzo grado.

Nella condizione descritte meglio che lei o sua moglie rinunciate alla proprietà di un immobile.

4 Giugno 2018 · Simone di Saintjust

Volevo aggiungere che con mia moglie sono in separazione dei beni, lei non è coinvolta dalla fideiussione da me prestata a favore di mio fratello, e per l’acquisto della nuova abitazione prima casa i soldi sono di nostro figlio: per la precisione paga lui.

Meglio se acquista direttamente il figlio (rischioso ricorrere a prestiti fra parenti): poi il figlio concede il diritto di abitazione al padre e dona l’immobile (gravato da diritto di abitazione) alla madre. Attenzione però: se il creditore, indagando sui passaggi di denaro per l’acquisto dell’immobile, rinviene solo una labile traccia di donazione indiretta da padre (fideiussore debitore) a figlio, cioè un preliminare passaggio di soldi da padre a figlio, rischiate revocazione dell’atto di compravendita ed espropriazione dell’immobile.

4 Giugno 2018 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Condizioni per la liberazione dalla fideiussione prestata a favore del creditore per l'obbligazione futura del terzo debitore principale
Il nostro ordinamento prevede (articolo 1956 codice civile) che il fideiussore (garante) per un'obbligazione futura (omnibus) è liberato quando il creditore garantito (la banca), senza speciale autorizzazione del fideiussore, ha fatto credito al terzo debitore principale (in favore del quale è stata prestata la fideiussione), pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di quest'ultimo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il rimborso del credito concesso. La norma è finalizzata ad evitare che il fideiussore possa essere gravato da una obbligazione in presenza di un peggioramento delle condizioni economiche e finanziarie del debitore principale in favore del quale egli prestò ...

Fideiussione prestata a favore di società - Ho diritto al preavviso di segnalazione in Centrale Rischi per inadempimenti del debitore principale?
La questione si riferisce alla fideiussione da me rilasciata nel 2007 a favore della società “Immobiliare XXXXXXXX Srl”, costituita il 23/01/2007, per il leasing immobiliare concesso da ING LEASE SPA (che ha cessato di operare in Italia nel 2016 credo e ha girato le situazioni in essere a ING BANK: nella CR Bankitalia c'è la variazione in maggio 2016). Immobiliare XXXXXXXX Srl acquistava in leasing un immobile ( nel mese di marzo o aprile 2007, non ricordo bene). Il 12.12.2007 sono uscito dalla società “Immobiliare XXXXXX Srl” e immediatamente dopo tale evento fu comunicato all'intermediario finanziario, in possesso di regolare ...

Fideiussione plurima - ciascun fideiussore risponde solo delle spese sostenute dal creditore per escutere il debitore principale
Il debitore principale non adempie alle proprie obbligazioni. Il creditore di conseguenza escute i due fideiussori F1 e F2 , ottenendo nei loro confronti un decreto ingiuntivo. Solo il fideiussore F1 si oppone al decreto ingiuntivo. Il creditore pretende dal fideiussore F2 le spese legali sostenute per contrastare l'opposizione del fideiussore F1. E' legittima tale pretesa? Al quesito hanno risposto i giudici della Corte di cassazione con la sentenza numero 5193/15, ricordando che la fideiussione è un contratto con prestazioni a carico di una parte sola, ovvero il garante. Per effetto di essa, quest'ultimo si obbliga a pagare al creditore ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fideiussione a favore di creditore rimasto insoddisfatto da escussione coattiva del debitore principale