Effetti del giudicato sulle prescrizioni brevi

Perdendo un ricorso avverso ingiunzione prefettizia dal giudice di pace Ho appurato che la sentenza è stata depositata ad aprile 2014 in maniera definitiva Cioè è ricorso è stato rigettato.. Posso sperare che dopo 5 anni il procedimento di notifica della sanzione amministrativa possa cadere in prescrizione oppure è soltanto un mero sogno? So anche che l’organo competente accertatore in questo caso i vigili urbani hanno tempo massimo due anni per notificarmi una cartella di pagamento da quando la sentenza viene iscritta a ruolo. Sono passati più di 4 anni ho delle speranze di non pagarla più questa ingiusta multa?

Se conosce una norma secondo la quale l’organo competente accertatore, in questo caso i vigili urbani, hanno tempo massimo due anni per notificarmi una cartella di pagamento da quando la sentenza viene iscritta a ruolo. direi che è a cavallo: è intervenuta sicuramente la decadenza, per la Pubblica Amministrazione, del potere di esigere l’importo portato dalla cartella esattoriale in riferimento alla sanzione amministrativa impugnata con ricorso, respinto, dal Giudice di pace. Sempre, a meno che la cartella esattoriale non risulti correttamente notificata per compiuta giacenza (all’insaputa del destinatario, temporaneamente assente al momento del tentativo di consegna).

Noi, invece, ci dobbiamo limitare ad accennare a quanto disposto dall’articolo 2953 del codice civile (effetti del giudicato sulle prescrizioni brevi), a mente del quale i diritti per i quali la legge stabilisce una prescrizione più breve di dieci anni, quando riguardo ad essi è intervenuta sentenza di condanna passata in giudicato, si prescrivono con il decorso di dieci anni.

9 Dicembre 2018 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione di cartella esattoriale impugnata con sentenza passata in giudicato
Faccio una breve cronistoria: in data 17 gen 2007, a seguito di controllo automatizzato dell'Agenzia delle Entrate che provvedeva a rettificare i dati indicati in dichiarazione fiscale anno 2005 (redditi 2004), mi viene notificata una cartella esattoriale da Equitalia per omesso versamento di Irpef, Irap e Iva. In data 8 giu 2006 viene presentata l'istanza di autotutela che viene respinta. In data 13 apr 2007 viene impugnata la cartella e presentato ricorso in CTP. In data 31 nov 2007 viene depositata la sentenza con soccombenza a mio sfavore che, purtroppo, passa definitivamente in giudicato perché il professionista incaricato a difendermi ...

Sentenza passata in giudicato su cartella esattoriale
Su una cartella di pagamento emessa da Gespro (Equitalia) anno 2002 a carico di una ditta individuale, relativa a contributi inps, è stato fatto ricorso; in data ott/11 è stata emessa sentenza passata in giudicato con una riduzione dell'importo preteso nella cartella di c.s.. Nel frattempo anno 2008 è deceduto il debitore e sono subentrati gli eredi nella ditta. Le domende sono: verrà emessa una nuova cartella a carico degli eredi oppure resterà valida la cartella originaria con importo ridotto al dispostivo della sentenza (questo per capire se devo aspettare la nuova cartella passando così del tempo per pagare, per ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Effetti del giudicato sulle prescrizioni brevi