La prescrizione nel processo esecutivo

In qualità di erede, ho ricevuto precetto dalla società cessionaria di un credito vantato nei confronti del de cuius e riconducibile ad un mutuo fondiario erogato dalla banca cedente. Sono ormai passati più di venticinque anni da quando la banca cedente e titolare originaria del credito aveva notificato al defunto un pignoramento immobiliare, dichiarato estinto per mancata rinnovazione, nel ventennio, della trascrizione del pignoramento.

Posso oppormi al precetto per eccepire l’intervenuta prescrizione decennale del diritto di pretendere il rimborso del credito?

L’articolo 2945 del codice civile stabilisce che per effetto dell’interruzione s’inizia un nuovo periodo di prescrizione. Se l’interruzione è avvenuta mediante la notifica di un atto con il quale si inizia un giudizio, la prescrizione non corre fino al momento in cui passa in giudicato la sentenza che definisce il giudizio. Se il processo si estingue, rimane fermo l’effetto interruttivo e il nuovo periodo di prescrizione comincia dalla data dell’atto interruttivo.

La Suprema Corte di cassazione ha tuttavia chiarito, con la sentenza 12239/2019, che il mancata rinnovo della trascrizione del pignoramento nel ventennio non può considerasi estintiva del procedimento trattandosi di un caso di estinzione atipica, in quanto diversa dalle cause di estinzione del processo esecutivo vere e proprie previste dagli articoli 629 e seguenti del codice di procedura civile come la rinuncia agli atti, l’inattività delle parti per mancata riassunzione o per mancata partecipazione all’udienza.

Secondo i giudici di legittimità, l’avvio del processo esecutivo (la notifica del pignoramento ad opera del creditore originario) è un atto idoneo ad interrompere la prescrizione e l’effetto interruttivo permane sino al momento della scadenza ventennale della trascrizione del pignoramento.

Dunque, non può ritenersi, ai sensi dell’ultimo comma dell’articolo 2945 del codice civile che la prescrizione decennale possa cominciare a decorrere dalla notifica dell’atto interruttivo di pignoramento come avverrebbe nel caso di un processo estinto. Se fra la data di scadenza ventennale della trascrizione del pignoramento ad opera del creditore cedente e la data di notifica del precetto da parte del creditore cessionario sono passati meno di dieci anni, il diritto di esigere il credito nei confronti dell’erede del debitore non è prescritto.

25 Agosto 2019 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ipoteca scaduta ed esecuzione immobiliare - E' vero che l'inefficacia dell'ipoteca, per decorso del termine ventennale verificatosi nel corso del processo esecutivo, fa decadere l'intero processo esecutivo?
Vorrei sapere se il giudice rende inefficace una esecuzione immobiliare per il mancato rinnovo del pignoramento allo scadere dei venti anni, il creditore non ha più titoli per proseguire? E si prescrive la procedura? Ed è valido un intervento su altre procedure dopo che il giudice l'ha resa inefficace? ...

Nuovo precetto per nuovo pignoramento?
Vorrei avere un informazione in merito a la situazione in cui mi trovo: ho ereditato da mia madre dei debiti e in agosto 2015 mi viene notificato un precetto in cui mi si dice che per recuperare il credito intendono procedere con un pignoramento presso terzi, cosa che poco dopo avviene. Stamattina invece senza nessun avviso o precetto mi e stato notificato un pignoramento immobiliare. Volevo sapere se il creditore avrebbe dovuto fare un ulteriore precetto pena l'invalidità del pignoramento appena eseguito o un qualsiasi cavillo per evitare che la casa venga messa all'asta. ...

Contenuto del precetto e decreto legge 83/2015
In agosto 2015 ho ricevuto un pignoramento presso terzi preceduto da, un allora regolare, precetto. Qualche giorno fa mi è stato notificato un pignoramento immobiliare senza nessun precetto. Sono a conoscenza del fatto che il creditore può procedere senza notificare un nuovo precetto tuttavia il decreto legge 83/2015 modifica il contenuto dell'atto di precetto aggiungendo un ulteriore avvertimento: la mancanza di questo avvertimento invalida il precetto. Questa norma e entrata in vigore dal 21 agosto 2015 ossia dopo la notifica del precetto. Volevo sapere se non essendo più un precetto valido è possibile invalidare il pignoramento immobiliare. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic La prescrizione nel processo esecutivo