Prescrizione cartelle Equitalia cadute in successione


Alle cartelle esattoriali che hanno una prescrizione di 5 anni, ma che sono inserite nella dichiarazione di eredità con beneficio di inventario, si applica la prescrizione delle cartelle stesse oppure la prescrizione decennale propria dei debiti inseriti nell’eredità beneficiata? E in più, se una cartella ha come ultima notifica 2012, ma l’accettazione è stata redatta nel 2014, quale tra le due date viene considerata come inizio della prescrizione?

I diritti per i quali la legge prevede una prescrizione più breve di dieci anni, quando riguardo ad essi è intervenuta sentenza di condanna passata in giudicato, si prescrivono con il decorso di dieci anni. Questo è quanto disposto dall’articolo 2953 del codice civile.

Pertanto, se le cartelle esattoriali cadute in successione non furono impugnate dal de cuius e il ricorso rigettato, i relativi crediti per i quali sia prevista una prescrizione più breve di quella ordinaria, non sono oggetto di conversione del termine di prescrizione breve eventualmente previsto in quello ordinario decennale per il solo fatto di essere stati trasmessi all’erede.

Si tratta di un principio di diritto consolidato nella giurisprudenza di legittimità e ribadito dai giudici della Corte di cassazione con l’ordinanza 20425/2017.

3 Dicembre 2018 · Carla Benvenuto



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prescrizione cartelle Equitalia cadute in successione