Precisazione su pignoramento pensione


Il limite di trattenuta nel pignoramento, a cui si fa riferimento nel quesito, vale solo per il pignoramento dello stipendio quando azionato da AdER

Trovo discordanze tra quanto risposto qui ed altre informazioni di seguito riportate – Potreste fare chiarezza per favore?

———————————————————————————————————-
Pignoramento pensione dall’Agenzia delle Entrate – Riscossione
Come noto, l’Agenzia delle Entrate – Riscossione può procedere a esecuzione forzata e a pignoramento presso terzi per poter cercare di soddisfare le esposizioni debitorie iscritte a ruolo a carico del contribuente, e non pagate a seguito della notifica delle cartelle esattoriali e delle eventuali intimazioni di pagamento.

Anche in questo val la pena rammentare come la pensione non potrà mai essere pignorata per intero, valutato che la legge prevede specifici limiti di pignorabilità con riguardo ai crediti esattoriali, variabili in base agli importi della pensione e di altre indennità.

I limiti saranno in questo caso pari a 1/10 per importi fino a 2.500,00 euro.
…………..

(da https://www.consulenzalegaleitalia.it/pignoramento-pensione/
—————————————————————————————————————

Il limite di trattenuta nel pignoramento a cui si fa riferimento nel quesito (1/10 per importi fino a duemila e 500 euro) vale esclusivamente per il pignoramento dello stipendio operato da Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) ed azionato nei confronti di lavoratori stipendiati o salariati.

L’articolo 72 ter, comma 1, del DPR 602/1973, infatti, stabilisce testualmente che le somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall’agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi superiori a 2.500 euro e non superiori a 5.000 euro.

Per le pensioni opera già, sia in riferimento a creditori esattoriali che ordinari, la tutela fornita dall’articolo 545 del codice di procedura civile, penultimo comma, laddove stabilisce che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale, aumentato della metà (importo che viene indicato come minimo vitale).

In ogni caso, applicando (per assurdo) la limitazione di 1/10 sull’importo del cedolino (limitazione riservata esclusivamente agli stipendi) la trattenuta sulla pensione di 1200 euro sarebbe stata pari a 120 euro.

Applicando invece il calcolo corretto, in base all’ultimo comma dell’articolo 545 del codice di procedura civile, vien fuori una trattenuta di 106 euro (ovvero, più del 10% in meno rispetto al calcolo errato).

16 Febbraio 2022 · Ludmilla Karadzic

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 190 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Precisazione su pignoramento pensione. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.