Preavviso di Fermo amministrativo inviato a vecchia residenza - Cosa posso fare?

Ho scoperto di avere un fermo auto, iscritto al PRA da pochi giorni, a causa di una vecchia multa autovelox del 2012 di 500 euro circa, (a cui avevo fatto anche ricorso senza però ricevere risposta). Però il "preavviso di fermo" e la "comunicazione in posta ordinaria" sono stati inviati al mio vecchio indirizzo di residenza e quindi non sono stati ricevuti per tempo. La mia residenza è cambiata nell'agosto 2017, quasi un anno fa. Quindi il preavviso di fermo non l'ho mai ricevuto (l'ingiunzione di pagamento del 2014 però l'ho ricevuta). Quindi l'agente per la riscossione non si è informato sul mio recente cambio di residenza. Ho speranza di chiedere l'annullamento del fermo e avere ancora tempo di contestare la multa e magari sperare di inserirla nel prossimo condono fiscale? La domanda più importante è : so bene che ora non posso più circolare con l'auto, ma se faccio ricorso alla CTP per chiedere la nullità del fermo e azzerare quindi i termini, nel frattempo posso circolare o no? Se non posso circolare fino alla risposta della CTP allora non mi resta che abbozzare e pagare , perchè l'auto ovviamente mi serve.

Potreste darmi un consiglio su quale strada percorrere: 1) Abbozzare e pagare. 2) Fare ricorso subito (purchè dalla data della mia opposizione io possa continuare a circolare).

Chiariamo subito un paio di cose:

- al momento del cambio di residenza bisogna riportare, come peraltro indicato nel modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica, l'elenco dei veicoli di proprietà (in modo che possano essere aggiornate le posizioni al PRA): se il dato non viene incluso, non è poi possibile contestare, con successo, il vizio di notifica sia del preavviso che dell'iscrizione di fermo amministrativo;
- ammesso che lei abbia a suo tempo indicato, all'atto del cambio di residenza, i dati del veicolo di proprietà, oggi oggetto di fermo amministrativo, eccepire il vizio di notifica del preavviso innanzi alla CTP, comporterebbe solo, in caso di accoglimento del ricorso, l'obbligo per il concessionario di provvedere alla rinotifica del provvedimento all'indirizzo corretto; a meno che non siano decorsi i termini di prescrizione (cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale); in tale ipotesi potrebbe sì ottenere la sospensione del provvedimento di fermo amministrativo fino alla pronuncia, ma dovrebbe chiederla ed i giudici concederla;
- lei potrebbe far finta di non sapere nulla del fermo amministrativo, attendere che passino i cinque anni dalla data di notifica della cartella esattoriale in base alla quale è stato disposto il vincolo e quindi rivolgersi alla CTP: in questo caso l'accoglimento dell'istanza comporterebbe anche l'annullamento del debito per cui il concessionario ha agito; ma, se attendendo il decorso dei termini di prescrizione, lei continuasse ad utilizzare il veicolo, si esporrebbe al grave rischio di provocare un sinistro innescando la procedura di rivalsa della sua compagnia assicurativa (sappiamo bene che quando si tratta di pagare o recuperare soldi dall'assicurato sono prontissime a schierare in campo i migliori azzeccagarbugli): certo, potrebbe sempre opporsi alla rivalsa, ma la questione si complicherebbe e non so se vale la pena rischiare.

Il consiglio: se proprio non può fare a meno di utilizzare il veicolo (e se ha ritenuto di non fruire della recente rottamazione per la cartella esattoriale - o per l'ingiunzione fiscale - da cui è nato l'inghippo) la cosa migliore da fare, a mio giudizio, è recarsi presso lo sportello dell'Agenzia Entrate Riscossione e chiedere la dilazione del pagamento del debito. Il fermo amministrativo verrà subito sospeso e poi cancellato al pagamento dell'ultima rata. Nel frattempo, però, potrà viaggiare in tutta sicurezza.

E' chiaro anche, che una volta avviata la dilazione del debito, non potrà più aderire ad un eventuale, futuro, provvedimento governativo di pace fiscale.

Ma, credo anche lei sappia che alla vita, purtroppo, non si può chiedere tutto.

22 settembre 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fermo amministrativo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Opposizione al preavviso di fermo amministrativo per sanzioni amministrative? » Esclusivamente presso il giudice di pace
Anche in caso di preavviso di fermo amministrativo il ricorso va presentato presso il giudice di pace. Nel caso di fermo amministrativo basato su cartelle esattoriali per multe stradali, a decidere deve essere il giudice di pace: non importa che l'opposizione sia stata avanzata dopo la notifica del preavviso di ...
Fermo amministrativo » Dal preavviso alla cancellazione
Il fermo amministrativo viene istituito nel 1973 ed è una disposizione tramite cui le amministrazioni o gli enti competenti (si va dall'Agenzia delle entrate all'Inps, dalle Regioni ai Comuni) provvedono, tramite enti esattori, alla riscossione coattiva di crediti insoluti “bloccando” un bene mobile dell'obbligato. Il fermo amministrativo, di solito, viene ...
Il debitore disabile ha diritto di chiedere ed ottenere l'annullamento del preavviso o la cancellazione del fermo amministrativo già disposto sul veicolo adibito al suo trasporto
Agenzia Entrate riscossione, a partire dal 12 febbraio 2018, ha deciso di ampliare la platea dei veicoli per i quali il fermo non può essere disposto. Oltre a quelli strumentali all'attività di impresa o della professione, anche i veicoli utilizzati per il trasporto di persone diversamente abili non possono essere ...
Il debitore professionista e il debitore imprenditore hanno il diritto di chiedere ed ottenere l'annullamento del preavviso di fermo amministrativo o la cancellazione del fermo amministrativo trascritto sul veicolo strumentale rispettivamente all'attività professionale e imprenditoriale svolta
Come tutti sappiamo, decorso inutilmente il termine di 60 giorni per il pagamento o l'impugnazione della cartella esattoriale, il concessionario della riscossione può disporre il fermo amministrativo del veicolo del debitore. E' quanto dispone l'articolo 86 del dpr 602/1973. La procedura di iscrizione del fermo amministrativo del veicolo di proprietà ...
Opposizione a preavviso di fermo amministrativo per omessa notifica del verbale e della cartella esattoriale
Quando si contesta il preavviso di fermo amministrativo, rilevando la mancata notifica del verbale di accertamento delle violazioni del Codice e della cartella di pagamento e si eccepisce l'intervenuta prescrizione del diritto alla riscossione della sanzione, per essere decorsi più di cinque anni dalla violazione, l'azione va qualificata come opposizione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca