Preavviso di Fermo amministrativo inviato a vecchia residenza – Cosa posso fare?

Argomenti correlati:

Ho scoperto di avere un fermo auto, iscritto al PRA da pochi giorni, a causa di una vecchia multa autovelox del 2012 di 500 euro circa, (a cui avevo fatto anche ricorso senza però ricevere risposta). Però il “preavviso di fermo” e la “comunicazione in posta ordinaria” sono stati inviati al mio vecchio indirizzo di residenza e quindi non sono stati ricevuti per tempo. La mia residenza è cambiata nell’agosto 2017, quasi un anno fa. Quindi il preavviso di fermo non l’ho mai ricevuto (l’ingiunzione di pagamento del 2014 però l’ho ricevuta). Quindi l’agente per la riscossione non si è informato sul mio recente cambio di residenza. Ho speranza di chiedere l’annullamento del fermo e avere ancora tempo di contestare la multa e magari sperare di inserirla nel prossimo condono fiscale? La domanda più importante è : so bene che ora non posso più circolare con l’auto, ma se faccio ricorso alla CTP per chiedere la nullità del fermo e azzerare quindi i termini, nel frattempo posso circolare o no? Se non posso circolare fino alla risposta della CTP allora non mi resta che abbozzare e pagare , perchè l’auto ovviamente mi serve.

Potreste darmi un consiglio su quale strada percorrere: 1) Abbozzare e pagare. 2) Fare ricorso subito (purchè dalla data della mia opposizione io possa continuare a circolare).

Chiariamo subito un paio di cose:

– al momento del cambio di residenza bisogna riportare, come peraltro indicato nel modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica, l’elenco dei veicoli di proprietà (in modo che possano essere aggiornate le posizioni al PRA): se il dato non viene incluso, non è poi possibile contestare, con successo, il vizio di notifica sia del preavviso che dell’iscrizione di fermo amministrativo;
– ammesso che lei abbia a suo tempo indicato, all’atto del cambio di residenza, i dati del veicolo di proprietà, oggi oggetto di fermo amministrativo, eccepire il vizio di notifica del preavviso innanzi alla CTP, comporterebbe solo, in caso di accoglimento del ricorso, l’obbligo per il concessionario di provvedere alla rinotifica del provvedimento all’indirizzo corretto; a meno che non siano decorsi i termini di prescrizione (cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale); in tale ipotesi potrebbe sì ottenere la sospensione del provvedimento di fermo amministrativo fino alla pronuncia, ma dovrebbe chiederla ed i giudici concederla;
– lei potrebbe far finta di non sapere nulla del fermo amministrativo, attendere che passino i cinque anni dalla data di notifica della cartella esattoriale in base alla quale è stato disposto il vincolo e quindi rivolgersi alla CTP: in questo caso l’accoglimento dell’istanza comporterebbe anche l’annullamento del debito per cui il concessionario ha agito; ma, se attendendo il decorso dei termini di prescrizione, lei continuasse ad utilizzare il veicolo, si esporrebbe al grave rischio di provocare un sinistro innescando la procedura di rivalsa della sua compagnia assicurativa (sappiamo bene che quando si tratta di pagare o recuperare soldi dall’assicurato sono prontissime a schierare in campo i migliori azzeccagarbugli): certo, potrebbe sempre opporsi alla rivalsa, ma la questione si complicherebbe e non so se vale la pena rischiare.

Il consiglio: se proprio non può fare a meno di utilizzare il veicolo (e se ha ritenuto di non fruire della recente rottamazione per la cartella esattoriale – o per l’ingiunzione fiscale – da cui è nato l’inghippo) la cosa migliore da fare, a mio giudizio, è recarsi presso lo sportello dell’Agenzia Entrate Riscossione e chiedere la dilazione del pagamento del debito. Il fermo amministrativo verrà subito sospeso e poi cancellato al pagamento dell’ultima rata. Nel frattempo, però, potrà viaggiare in tutta sicurezza.

E’ chiaro anche, che una volta avviata la dilazione del debito, non potrà più aderire ad un eventuale, futuro, provvedimento governativo di pace fiscale.

Ma, credo anche lei sappia che alla vita, purtroppo, non si può chiedere tutto.

22 Settembre 2018 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fermo amministrativo auto - Cosa posso fare per non pagare?
Fermo amministrativo su auto senza valore e la sanzione da pagare è di 1250 euro. Cosa posso fare per non pagare, siccome sono senza lavoro e ho 3 figli? ...

Preavviso di fermo amministrativo senza preventiva notifica dell'avviso di pagamento
Ho ricevuto un preavviso di fermo amministrativo sulla mia auto per due multe del 2013, nel fermo si fa riferimento ad una ingiunzione di pagamento da parte della Soget, che non ho, pertanto ho chiesto la relata di notifica alla Soget ma non ho ricevuto alcuna risposta. Posso fare ricorso per annullare il preavviso di fermo? Nel caso io ottenga l'annullamento cosa devo fare dopo? Pago le multe? Pago anche le penali (il debito si è più che raddoppiato passando da circa 200 euro ad 800 euro)? ...

Posso oppormi al preavviso di fermo amministrativo?
In data 10-01-2019 è stato consegnato a mio nipote presso la mia abitazione un plico con mittente Agenzia delle entrate-riscossione a me indirizzato, in pratica si tratta di: preavviso di fermo amministrativo, dove vengono riportati e cumulati gli estremi di numero due cartelle. - Cartella 1) notificata il 23/04/2011 ? relativa a "bollo auto pagamento insufficiente e tardivo anno di riferimento 2007,per euro 755,11 -- questa cartella non è mai stata da me ricevuta, solo in seguito ho ricevuto tramite posta ordinaria un "sollecito di pagamento "a settembre 2012 (dove si faceva riferimento a questa cartella), e un ulteriore "sollecito ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Preavviso di Fermo amministrativo inviato a vecchia residenza – Cosa posso fare?