Postini che hanno fretta e firmano le ricevute A/R al posto del destinatario - la querela di falso

Una multa per essere entrato con l'auto in centro senza permesso. Una firma falsificata. Una cartella esattoriale piombata all'improvviso. Dieci anni di battaglie legali. Sono gli ingredienti della curiosa vicenda in cui è rimasto coinvolto un artigiano riminese di mezza età, che ha avuto la meglio sul Comune: quella contravvenzione non solo non la dovrà pagare ma sarà anche rimborsato delle spese legali.

Tutto parte il 14 marzo del 2002, quando il postino porta la cartolina di avviso consegna a casa dell'uomo, multato pochi giorni prima dalla polizia municipale per avere passato in auto un varco del centro senza avere alcun permesso. E' quella mattina che succede il fatto a dir poco insolito. Non trovando nessuno, il portalettere decide di apporre una firma a nome del ricevente. Una scelta infelice per evitare la fatica di tornare e che fa scattare un effetto domino destinato a trascinarsi per il successivo decennio. Il risultato è infatti deflagrante: l'artigiano resta all'oscuro di quella contravvenzione da 80 euro e la notifica giace per due anni alle poste. Fino a quando nel 2004 arriva una cartella esattoriale: la cifra è lievitata del 150 per cento, salita a più di 200 euro.

Non una somma per cui chiedere prestiti in banca, ma la sanzione fa andare su tutte le furie l'artigiano, che decide di impugnare le armi e di dare battaglia. Difeso dall'avvocato Stefano Amati, parte una causa contro il Comune per querela di falso, in cui intervengono anche periti specializzati per stabilire l'autenticità della firma. Lo scontro in tribunale si trascina a lungo e il Comune, messo alle strette, indica il postino come responsabile di quanto avvenuto. Niente da fare. Il giudice decide di tenere fuori le Poste e dopo un percorso di udienze e rinvii, è arrivata nei giorni scorsi la sentenza: quella notifica non è mai stata fatta, la firma è stata falsificata e la multa è stata annullata. Un colpo da ko in cui il Comune è stato condannato anche al pagamento delle spese legali pari a 2mila e 348 euro. «Non certo una somma esorbitante», chiarisce il legale Amati, «ma posso assicurare che per il mio assistito è stata una grossa soddisfazione: dopo 10 anni si trattava più che altro di una questione di principio».

di Simone Mascia dal Corriere di Romagna.it

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
multa
notifica cartella esattoriale
notifica multa
pagamento multa
querela di falso

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale di equitalia » Illegittima se consegnatario firma nello spazio del destinatario
Cartella esattoriale o altro atto di Equitalia? La firma irregolare non prova la completezza e la legittimità dell'attività del postino. Capita spesso: a casa vostra si presenta il postino a consegnare una cartella esattoriale di Equitalia o un accertamento dell'Agenzia delle Entrate, ma, presso l'abitazione, non è presente l'effettivo destinatario. ...
Postino falsifica firma su raccomandata » E' reato
Il postino falsifica la tua firma sulla raccomandata: è colpevole di accidia e con dolo. Falsificare delle firme allo scopo di concludere più velocemente il lavoro non può essere considerata una semplice leggerezza, ma comporta la condanna per aver prodotto un atto falso. Questo l'orientamento della Corte di Cassazione espresso ...
Notifica cartella esattoriale via posta - se ricevente non individuabile nullità solo con querela falso
In ordine alla notifica della cartella esattoriale la Commissione Tributaria Regionale adita dalla contribuente aveva affermato in sentenza che:  "Tale avviso di ricevimento deve attestare la persona cui la cartella esattoriale è stata consegnata in maniera che via sia la presunzione che attraverso di essa l'atto sia stato portato a ...
Atti trasmessi via posta - Compiuta giacenza e perfezionamento della notifica per il destinatario
Com'è noto, nella notifica diretta effettuata tramite servizio postale, qualora il destinatario risulti temporaneamente assente, il postino lascia un avviso di giacenza dell'atto presso l'ufficio postale (a tale proposito, leggasi questo topic). In tale circostanza, è da confutare, a nostro parere, l'affermazione secondo la quale alcune Pubbliche Amministrazioni ritengono che ...
Quando non è necessaria la querela di falso per contestare il contenuto della relata di notifica - cartella esattoriale consegnata a soggetto che si dichiara portiere di uno stabile che non ha un portiere
La mancanza della qualità di portiere addetto allo stabile dove è l'abitazione del destinatario, attribuita nella relata di notifica alla persona alla quale è stata consegnata la copia dell'atto notificato, può essere contestata con qualsiasi idoneo mezzo di prova, poiché la relazione di notifica in ordine all'esistenza di rapporto del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca