Posso interrompere vertenza aperta dal sindacato e rivolgermi ad un avvocato?

Mi sono licenziato da una ditta che non mi retribuiva gli ultimi quattro mesi di stipendio. Successivamente mi sono rivolto ad un sindacato ma sinceramente credo di aver fatto un errore. In questo momento la procedura è avviata e sto aspettando un appuntamento con l'avvocato del sindacato e intanto sono già passati quattro mesi dall'inizio della vertenza. Vi chiedo se è possibile interrompere la procedura svolta dal sindacato e affidarla ad un avvocato privato e se in questo caso esista un legale che possa essere remunerato una volta ottenuto il recupero crediti.

Se è sicura di non aver firmato alcun mandato, può farlo. Altrimenti rischia di trovarsi in un ginepraio.

Con alcuni avvocati è possibile stipulare un accordo cosiddetto di "quota lite" fissando una percentuale sul recuperato come corrispettivo per l'assistenza legale. Naturalmente i costi fissi iniziali vanno comunque corrisposti.

In ogni caso, le potrebbe essere utile documentarsi leggendo questo e-book.

15 giugno 2012 · Genny Manfredi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

All'avvocato non basta l'invio di una nota spese al cliente per interrompere il decorso della prescrizione presuntiva
Com'è noto, se sono trascorsi tre anni dalla data in cui il professionista può dimostrare di aver erogato al cliente una certa prestazione, interviene la prescrizione presuntiva, il debito può considerarsi saldato ed il diritto del creditore estinto. Salvo che il professionista non produca scritti del cliente (ad esempio una ...
Prescrizione per la parcella di un avvocato - Decorrenza, comunicazione interruttiva dei termini ed implicazioni dell'eccezione di prescrizione
Costituisce atto idoneo ad interrompere la prescrizione l'inoltro della richiesta di adempimento per lettera raccomandata, la cui spedizione è provata dalla relativa ricevuta e i cui particolari doveri di consegna a carico del servizio postale ne fanno presumere l'arrivo al debitore, pur in assenza della ricevuta di ritorno. Solo a ...
Patto di quota lite - l'avvocato non può pretendere un compenso percentualmente rapportato al danno risarcito al cliente
Il patto di quota lite è l'accordo che può intervenire fra avvocato e cliente in virtù del quale il primo percepisce, quale compenso per l'attività espletata, una quota del bene oggetto della lite, a risultato ottenuto. Secondo il Consiglio nazionale Forense è illecito l'accordo volto a spartirsi il ricavato al ...
Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Decorrenza degli interessi moratori per la parcella contestata
In tema di liquidazione di diritti ed onorari di avvocato e procuratore a carico del cliente, la disposizione comune alle tre tariffe forensi (civile, penale e stragiudiziale) prevede che gli interessi di mora decorrano dal terzo mese successivo all'invio della parcella. Tuttavia quando insorge controversia tra l'avvocato ed il cliente ...
Mediazione civile per le controversie riguardanti i consumatori » Presenza avvocato non è necessaria
Nelle controversie riguardanti i consumatori, in materia di mediazione civile, la presenza dell'avvocato non è necessaria ma facoltativa: il punto sulla situazione. No all'avvocato obbligatorio nella mediazione civile che riguarda i consumatori. Secondo la Corte di Giustizia UE nelle controversie che vedono coinvolti i consumatori, la presenza dell'avvocato nella procedura ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca