Possibilità di fare una rinunzia all'eredità

Mio suocero titolare di una impresa individuale muore lasciando dei crediti e dei debiti agli eredi (moglie e 4 figli).

La moglie apre dopo una settimana circa la sola partita iva con l'intestazione Eredi di ..... al fine di potere incassare i crediti e pagare i debiti che non vengono totalmente estinti.

La vecchia ditta individuale e succesivamente la ditta Eredi di.... vengono chiuse nello stesso anno, facendo il passaggio di mezzi tramite fattura di vendita ad una terza ditta costituita da parte di 2 eredi maschi che a loro volta si fanno il passaggio dei mezzi per potere lavorare.

La mia domanda è la seguente:

I due eredi che sono rimasti fuori, quindi non hanno avuto nessun tipo di eredità da parte del padre (nè da parte dell'impresa nè di immobili personali) per una questione di accordi verbali tra di loro.

Possono rinunziare all'eredità per non pagare la parte di debiti che sono tutt'oggi in corso e capire se la ditta chiamata Eredi di.... visto che firmava soltanto la madre ha effetti giuridico/fiscali sulla continuazione della vecchia ditta individuale.

E quale strada eventualmente percorribile da parte degli eredi che non hanno avuto nulla.

Della questione, se ne è già discusso con i miei colleghi, mi sembra di capire.

Se i due figli non sono presenti nello stato di famiglia al decesso del de cuius, se non hanno firmato carte relative all'attività aperta dalla madre o rilasciato a lei deleghe, se non hanno posto in atto azioni documentabili che hanno irrimediabilmente comportato un'accettazione tacita dell'eredità, possono ancora optare per la rinuncia semplice, o con beneficio di inventario.

19 luglio 2012 · Chiara Nicolai

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Eredità e debiti tributari
Il chiamato eredita i debiti tributari solo al momento dell'accettazione dell'eredità. I soggetti “chiamati” ad accettare l'eredità non rispondono dei debiti tributari del defunto. Tale obbligo sorge solamente quando il "chiamato" accetta l'eredità (in modo espresso oppure in modo tacito per facta concludentia). Solo al momento dell'accettazione, infatti, si acquista ...
Chi paga le spese funebri? » Eredi o coniuge legatario?
Quando si litiga anche per le spese del funerale: chi paga le spese funebri per la sepoltura del de cuius? Il Tribunale di Ragusa, richiamando giurisprudenza di Cassazione, con la sentenza del 7 giugno 2013, afferma: il rimborso delle spese funerarie per la sepoltura della moglie può essere preteso dal ...
Debiti tributari ed accettazione dell'eredità
In tema di obbligazioni tributarie, grava sull'Amministrazione finanziaria creditrice del de cuius l'onere di provare l'accettazione dell'eredità da parte del chiamato, per potere da lui esigere l'adempimento dell'obbligazione del defunto. Tale onere non può essere assolto con la produzione della sola denuncia di successione, mentre è idoneamente adempiuto con la ...
Debiti ed eredità – cosa fare quando un nostro congiunto ci lascia debiti e cartelle esattoriali da pagare
Accade talvolta che, successivamente alla morte di un proprio caro, i parenti ricevano degli avvisi di accertamento o delle cartelle esattoriali relative a debiti del defunto nei confronti dell'erario. A tal proposito può essere utile ricordare preliminarmente che soltanto gli eredi possono essere chiamati a rispondere dei debiti di persone ...
Eredità – cosa fare quando arriva una cartella esattoriale al defunto
Capita spesso che una cartella esattoriale arrivi a un genitore defunto: in questa triste evenienza l'errore più comune dei familiari è di accettare la cartella e di non respingerla facendovi mettere dal postino la dizione "destinatario defunto", possibilmente con l'esibizione di un certificato di morte. Lo stesso bisognerebbe fare se ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca