Possibile pignoramento assegno divorzile

Cercherò di riassumere brevemente la mia situazione: ho ricevuto già l'avviso di Equitalia in cui mi invitano a recarmi negli uffici per concordare i pagamenti. Non sono nelle condizioni di poter pagare la somma richiesta. Ho 500 euro di assegno divorzile e non posseggo auto o immobili.

Ho letto che equitalia può pignorare il conto corrente. La mia domanda è : possono prelevare la somma che il mio ex marito mi versa mensilmente? Se si in che percentuale? Nel conto ho pochissimi risparmi, Equiltalia potrebbe pignorare quella piccola somma?

Il codice di procedura civile prevede che non possono essere pignorati i crediti alimentari (tra cui figura l'assegno divorzile, ndr) tranne che per cause di alimenti, e sempre con l'autorizzazione del presidente del tribunale.

Il problema, tuttavia, risiede nella circostanza che una volta confluito nel conto corrente la natura dell'assegno divorzile perde la sua connotazione per confondersi con liquidità riconducibile ad altre causali. Ed Equitalia può legittimamente pignorare la liquidità disponibile al debitore in conto corrente.

Su questo aspetto la giurisprudenza di legittimità (sentenza Cassazione 17178/12) è chiara: quando il creditore pignorante sottoponga a pignoramento somme esistenti presso un istituto bancario ove il debitore intrattiene un rapporto di conto corrente, sono del tutto irrilevanti le ragioni per le quali quelle “somme” sono state versate su quel conto: il denaro é bene fungibile per eccellenza.

Ne consegue che le soluzioni possono essere solo due: prelevare le somme accreditate come assegno divorzile appena disponibili in conto corrente oppure accordarsi con il coniuge divorziato obbligato per effettuare il bonifico dell'importo stabilito per l'assegno divorzile su un conto corrente intestato ad un terzo fiduciario.

In quest'ultimo caso l'attestazione dell'avvenuto pagamento dell'assegno divorzile, che nel caso di bonifico sul conto corrente è desumibile dall'estratto di conto corrente, può essere surrogata da una ricevuta sottoscritta dal coniuge divorziato beneficiario. Tanto più che, anche per le norme antiriciclaggio, la somma di 500 euro dell'assegno divorzile potrebbe benissimo essere consegnata in contanti.

19 agosto 2015 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno di mantenimento o divorzile per coniuge e figli
pignoramento assegno di mantenimento e divorzile

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente » Qualche espediente per difendersi dal pignoramento ordinario ed esattoriale
Pignoramento del conto corrente, sia esattoriale che ordinario: ecco qualche consiglio pratico per tutelarsi al meglio dai creditori. Quasi la maggioranza dei consumatori, nel nostro paese, possiede un conto corrente personale. Essere proprietari di un conto corrente, però, presenta diversi problemi. In primis, Il fisco, il quale, attraverso il monitoraggio ...
Equitalia » No al pignoramento del conto intestato al defunto o ai suoi eredi
Equitalia non può procedere al pignoramento della quota del conto corrente bancario del debitore sottoposto ad esecuzione nel caso in cui la massa ereditaria sia comprensiva di altri beni. In tema di espropriazione dei beni caduti in successione, l'agente delle riscossioni non può pignorare la quota del conto corrente bancario ...
Pignoramento conto corrente cointestato da parte di equitalia » Una procedura complessa
Pignoramento di un conto cointestato da parte di Equitalia: l'esecuzione, non potendo avvenire sul saldo attivo, viene regolata da norme diverse rispetto alla normale esecuzione esattoriale. Scopriamo quali nel prosieguo dell'articolo. Il pignoramento da parte di Equitalia del conto corrente del debitore avviene, di solito, con forme più celeri e ...
Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso ...
Recupero crediti: ora più semplice » Per l'ufficiale giudiziario sarà possibile la consultazione dell'Anagrafe Tributaria
Novità per quanto riguarda il recupero crediti: con la riforma della giustizia, sarà dato il via libera all'interrogazione dell'Anagrafe tributaria e dei conti correnti da parte del creditore. Se le innovazioni al processo di recupero crediti saranno approvate in via definita, per i debitori si prospetteranno tempi davvero duri. Infatti, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca