Possibile espropriazione esattoriale di casa adibita ad abitazione principale

Viene a mancare nostro padre titolare di attività come padroncino proprietario di 2 camion e 2 macchine, l'attività è stata chiusa.

In eredità subentriamo io maggiorenne e mia sorella minorenne, mio padre ha un debito alto che si aggira intorno ai 120 mila euro e ipoteca Equitalia su casa residenziale.

Io maggiorenne ho rifiutato l'eredità, mentre mia sorella minorenne ha accettato con beneficio di inventario sotto tutela di mia madre.

Mia madre non è sposata con lui perciò a termini ereditari non centra nulla se non come tutrice della minorenne.

La domanda è questa: essendo la prima casa e a uso abitativo c'è la possibilità che ci venga messa lo stesso all'asta per pagare il debito con Equitalia di nostro padre e tolta?

Al compimento della maggiore età, sua sorella, avendo accettato l'eredità (sebbene con beneficio di inventario), diverrà proprietaria dell'immobile nonché debitrice della somma per il recupero della quale agisce Equitalia.

Se sua sorella avrà la residenza nella casa già ipotecata e non risulterà proprieteria di altri immobili, la casa non potrà essere espropriata.

16 maggio 2016 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione eredità con beneficio inventario
casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Separazione » figlio deve abitare stabilmente l'ex casa coniugale per non far decadere l'assegnazione
In tema di separazione personale ed assegnazione della casa coniugale, è necessaria la convivenza del figlio maggiorenne con il genitore collocatario. Qualora il ragazzo abbandoni l'abitazione, è legittima la revoca. L'assegnazione della casa coniugale è una delle questioni più conflittuali tra coniugi freschi di separazione. La questione si complica quando ...
Pignoramento immobiliare prima casa sia esattoriale che ordinario » Quando è concretamente possibile? La verità che nessuno ha il coraggio di dirvi
A prescindere dal fatto che il creditore sia il fisco, la banca, un privato, o, in caso ad esempio di separazione, un ex coniuge, quando la prima casa del debitore è realmente a rischio di pignoramento? Facciamo chiarezza nei prossimi paragrafi. La prima casa, ovvero il bene per eccellenza del ...
Immobile concesso in comodato da un terzo - Successiva separazione dei coniugi ed assegnazione della casa familiare
Il coniuge affidatario della prole minorenne, o maggiorenne non autosufficiente, assegnatario della casa familiare, può opporre al comodante, che chieda il rilascio dell'immobile, l'esistenza di un provvedimento di assegnazione, pronunciato in un giudizio di separazione o divorzio, solo se tra il comodante e almeno uno del coniugi il contratto in ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca