Pos obbligatorio - Quali sono le sanzioni per gli esercenti?

Sono un esercente e ho sentito dire che da qualche tempo a questa parte scatteranno le sanzioni per chi rifiuta pagamenti col POS.

E' vero?

Come funziona?

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Fiscale, avvenuta il 26 ottobre 2019, l'obbligo del POS diventa un dato di fatto a partire da luglio 2020: dunque, scatteranno sanzioni POS per commercianti, artigiani e professionisti che non accetteranno pagamenti con moneta elettronica di qualsiasi importo.

Il POS è obbligatorio, in teoria, dal 2012, grazie al decreto legge numero 179 del 2012 introdotto dal Governo Monti.

In pratica però, a causa dell'assenza di vere e proprie sanzioni, sono tantissimi gli esercenti che ancora non si sono adeguati alla legge, evitando il POS e tutti i costi che ne conseguono.

Da luglio 2020 però non sarà più possibile negare ai propri clienti di pagare con moneta elettronica qualsiasi tipo di importo, pena una doppia multa per gli esercenti.

Il testo del Decreto Legge 124/2019, il DL Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020, prevede due multe per i commercianti che non accettano pagamenti tracciabili, come sancisce l'articolo 23: la prima prevede una sanzione di 30 euro, la seconda consiste nell'aggiunta del 4% del valore della transazione negata al cliente.

Nel dettaglio l'articolo 23 del DL 124/2019 infatti sancisce che a partire del 1° luglio 2020, nei casi di mancata accettazione di un pagamento, di qualsiasi importo, effettuato con una carta di pagamento di cui al comma 4, da parte di un soggetto obbligato ai sensi del comma 4, si applica nei confronti del medesimo soggetto una sanzione amministrativa pecuniaria di importo pari a 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l'accettazione del pagamento.

Dovrà essere il cliente a denunciare il commerciante che non gli ha permesso di effettuare la transazione tramite POS.

In seguito ai controlli, l'esercente quindi dovrà pagare:

  • una multa di 30,00 euro;
  • l'aggiunta del 4% del valore della transazione negata al cliente.

Ad esempio, nel caso di una transazione di 200,00 euro, la multa che dovrà pagare il commerciante che non ha permesso al cliente di pagare tramite bancomat ammonta a 38,00 euro.

19 novembre 2019 · Andrea Ricciardi

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

fisco tributi e contributi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca